HomePrima PaginaSicurezza, patto fra Caronno e l'Associazione Carabinieri di Saronno

Sicurezza, patto fra Caronno e l’Associazione Carabinieri di Saronno

Il momento della firma

Firmata a Caronno Pertusella una convenzione triennale fra il Comune e il 132° Nucleo di Volontariato e Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Saronno: è stata così sancita una proficua collaborazione avviata con l’amministrazione civica lo scorso marzo per rinforzare la task-force organizzata in contrasto al rischio Covid-19.

Una collaborazione che ha portato a ottimi risultati, per la grande e qualificata mole di lavoro posta in essere con disponibilità e sinergia dalle varie associazioni impiegate: Gruppo Protezione Civile Alpini, Gruppo Comunale di Protezione Civile e i Nuclei ANC di Volontariato caronnese e di Protezione civile saronnese (tutte insignite della benemerenza civica 2020).

Composto per la maggior parte da volontari della sezione ANC di Caronno Pertusella, il 132° Nucleo ha all’attivo 15 anni di operatività, che l’hanno visto protagonista di interventi su tutti gli scenari divenuti tristemente famosi nella nostra storia recente: gli eventi sismici dell’Aquila, in Emilia e nel centro Italia, oltre alle alluvioni in Toscana e Liguria. Un altro fiore all’occhiello è la presenza di nove volontari abilitati e riconosciuti dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile quali informatori in seno alla campagna nazionale “Io non rischio”: un’importante iniziativa volta a sensibilizzare la popolazione sulle buone norme di comportamento da tenere nelle situazioni critiche o catastrofi e, soprattutto, cosa fare e come comportarsi per prevenire tali eventi.

Il sindaco Marco Giudici col tenente Giovanni Salafia (a destra) e un altro volontario

I volontari in tuta rossoblu sono ormai noti anche nelle scuole di Caronno e in altri istituti del circondario per le tante ore di attività svolte con gli studenti, a fronte dei numerosi progetti educativi proposti con le direzioni didattiche. Inseriti nella Colonna mobile provinciale di Protezione Civile, con il ruolo di Squadra Safety & Security, gli uomini del Tenente Giovanni Salafia rappresentano una realtà di sicuro affidamento e preparazione tecnica e professionale.

La convenzione sottoscritta da quest’ultimo col sindaco Marco Giudici è un altro passo avanti per migliorare l’impianto della sicurezza sul territorio caronnese, soprattutto l’attività di prevenzione e assistenza alla popolazione, con particolare riguardo alle fasce più deboli.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

lazzate droga

Lazzate, droga nell’auto, arrestato un 23enne

I carabinieri di Cermenate, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato un 23enne di Lazzate per detenzione ai fini di spaccio di sostanze...
Cormano droga

Cormano, 4 kg di cocaina in auto, arrestata donna 51enne incensurata

I carabinieri di Cormano hanno arrestato una donna di 51 anni trovata in possesso di 4 kg di cocaina. L’operazione è stata effettuata ieri...
Napoleone nozze

Limbiate, nozze a Mombello delle sorelle di Napoleone, aperto il casting per la nuova...

Nella speranza di riuscire quest’anno a riproporre la rievocazione storica delle nozze delle sorelle di Napoleone a Limbiate, è aperto il casting per trovare...

Lombardia zona rossa sabato 10 e domenica 11 aprile: supermercati aperti, centri commerciali chiusi

Ultimo weekend di zona rossa per la Lombardia. Come annunciato ieri dal Presidente Attilio Fontana, da lunedì 12 aprile la regione vedrà allentate le...
Covid Lombardia Milano

Lombardia in zona arancione da lunedì 12, ecco cosa si può fare

Da lunedì 12 aprile la Lombardia torna in "zona arancione". I dati sull'andamento dei contagi da Covid 19 e gli altri parametri utilizzati per...
cani passeggio

Limbiate, cane muore all’improvviso dopo la passeggiata, colpa di un boccone avvelenato?

Un cane è morto questo pomeriggio dopo la quotidiana passeggiata con il proprietario per le vie del centro a Limbiate nella zona di Piazza...

Vaccini, giovani psicologhe di Saronno a Draghi: “Abbiamo lo stesso diritto di medici e...

"Smettetela di vaccinare prima chi ha meno di 60 anni come i giovani, gli psicologi di 35 anni". Fanno discutere le parole pronunciate ieri...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !