HomePrima PaginaSi farà la rotonda all'uscita di Origgio-Ovest, costerà mezzo milione

Si farà la rotonda all’uscita di Origgio-Ovest, costerà mezzo milione

Si farà la rotatoria in via Per Cantalupo, all’uscita dell’autostrada A8 Origgio Ovest sul confine con Cerro Maggiore. Lo studio di fattibilità prevede mezzo milione di euro di spesa. Una cifra certo elevata ma che risolverà, se non altro in gran parte, il problema del traffico pesante che non dà tregua al rione Broggio: inquinamento acustico e atmosferico, vetri delle case che tremano, addirittura crepe sui muri e tegole che cadono.

Ebbene, il rondò servirà a evitare il passaggio dei mezzi pesanti che, per raggiungere la zona industriale di Cerro, escono dall’autostrada percorrendo via per Cantalupo sino alla rotonda di via Stravazza (nella zona dell’azienda Medic Air) per poi tornare indietro. La rotatoria, inoltre, renderà possibile la svolta in direzione di Cerro, eliminando l’attuale pericolo causato da coloro che svoltano uscendo dall’autostrada, non rispettando la segnaletica.

A peggiorare i flussi dei tir, negli ultimi anni, sono stati gli autisti stranieri, che viaggiano in coppia, se non con tre mezzi, appartenenti ad aziende di autotrasporti che si servono del centro logistico Panalpina. “Il dato di fatto è che ogni camion deve passare tre volte – affermano i residenti tartassati da rumori e smog – Per questo è necessario un rondò”. Per concretizzare il progetto sarà necessario acquisire alcune aree private ed eseguire le opere di urbanizzazione connesse. “Per la realizzazione di quest’opera si procederà mediante l’affidamento a un progettista esterno – si legge nella delibera approvata dalla giunta Regnicoli – La realizzazione verrà finanziata a scomputo oneri da privati nell’ambito di un Programma urbanistico”.

Sembra però che il costo dell’opera sarebbe inferiore rispetto agli oneri incassati dall’operatore: per questo, subito dopo il suo insediamento, il sindaco Evasio Regnicoli aveva annunciato di voler chiedere di realizzare ulteriori infrastrutture viabilistiche per risolvere il problema. Per esempio una tangenziale, o bretella che sia, dove scaricare il traffico pesante. Il confronto, su questo punto, rimane aperto.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Traffico paralizzato in Milano Meda per un tamponamento a catena: tre feriti

  Un tamponamento fra tre veicoli in Milano Meda ha generato nel tardo pomeriggio grandi disagi alla circolazione in direzione di Milano, dove i veicoli...

Vince il no al Palio di Gerenzano (49 a 35): rinviato al 2022

Mentre a Uboldo è stato il parroco a decidere di non tenere il Palio delle Contrade a causa della pandemia, consultate la Curia e...

Bollate, quattro nuove telecamere multi ottiche al Parco Martin Luther King

A Bollate sono arrivate quattro nuove telecamere multi ottiche che verranno posizionate in zone particolarmente sensibili del Parco Martin Luther King con l'obiettivo di...
cusano investita strisce

Cusano, anziana investita sulle strisce in centro

Una donna anziana è stata investita da un’auto questa mattina a Cusano Mlanino mentre attraversava sulle strisce pedonali il centralissimo viale Matteotti. La donna di...
qualità vita

La qualità della vita dopo il Covid

Il Covid ha portato nell’ultimo anno grossi cambiamenti nelle nostre vite, ma non è detto che siano tutti negativi. Molti di voi avranno letto...
Garbagnate area cani virus

Garbagnate, area cani chiusa per un allarme virus (ma non è il Covid)

Area cani chiusa per un allarme virus a Garbagnate. La comunicazione alla Polizia locale di Garbagnate è giunta da Ats nei giorni scorsi, la quale...
Baranzate ospedale Sacco donne

Baranzate, l’ospedale Sacco è la “casa sicura” delle donne

L’ospedale Sacco è una “casa sicura” per tutte le donne. L’ospedale Sacco, posto proprio al confine tra Baranzate e Milano, è stato senza dubbio in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !