Home BOLLATESE "Bar e ristoranti chiusi, bloccata l'intera filiera, chi fa le leggi non...

“Bar e ristoranti chiusi, bloccata l’intera filiera, chi fa le leggi non capisce”, lo sfogo da Novate Milanese

fabrizio novate milanese “Troppa distanza tra chi legifera e la realtà” Inizia così lo sfogo di Fabrizio Massari, 44enne di Novate Milanese e, imprenditore nel settore ristorazione.
Dopo 20 anni nel campo dell’alimentazione, Fabrizio ha deciso di dare vita insieme all’amico Paolo Catturini , a “Squisite Passioni”, una piccola realtà con sede in via Ubaldo Panceri a Paderno Dugnano , con lo scopo di far conoscere le eccellenze della produzione alimentare italiana.

I clienti principali di Fabrizio e Paolo sono proprio i bar e i ristoranti “ si parla sempre di ristoranti e bar, ma ad essere danneggiata da queste chiusure è l’intera filiera che sta dietro al negozio fronte/strada- continua Fabrizio – ci sono, per citarne alcuni, i fornitori di alimenti e bevande, le lavanderie specializzate nella grande distribuzione. Siamo completamenti fermi, in balia delle decisioni della domenica sera. Ma come si fa?”.
Fabrizio è arrabbiato e deluso, la sua categoria, non vede nessuna prospettiva di rilancio, nessun aiuto concreto si prospetta all’orizzonte “ insieme ai colleghi che operano nel campo del turismo, la mia categoria è quella che più di tutte si sta indebitando, e non sento parlare di piani concreti di ripresa; quando, e se ripartiremo- prosegue – lo faremo da indebitati e sarà davvero dura”.

Ma Fabrizio non vuole solo urlare la sua rabbia, ha delle idee chiare e precise “ Innanzitutto, non servono politiche di incentivazione all’assunzione, o meglio, servono, ma più importante è darci un aiuto concreto a garantire un posto di lavoro al nostro organico ed inoltre – continua parlando a nome della sua categoria- detassateci!

Non stiamo chiedendo di smettere di pagare, ma se guardo la mia bolletta della luce, su 1.000 euro in totale, la metà o quasi sono tasse. Fateci pagare 500 euro, aiutateci a non indebitarci”.
Si perché Squisite Passioni non ha chiuso, l’ufficio è aperto, le celle frigorifere non si possono spegnere, le bollette maturano e il delivery ai privati fatica a decollare” io sono il primo che appena posso mi fermo al bar e ordino un caffè, sto in coda al freddo in attesa del mio turno e sempre al freddo lo bevo. Siamo in tanti. Ma la mia categoria può sopravvivere solo grazie alla “ solidarietà” delle persone?” conclude Fabrizio.

Manuela Miceli


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Fermi a comprare droga in macchina, rischio incidenti a Origgio e Uboldo

“Continuiamo a rischiare incidenti per colpa di chi si ferma a comprare droga”. Si moltiplicano le segnalazioni di automobilisti esasperati da quanto sia divenuta...
lavori strada

Milano-Meda: cantieri mobili di giorno e chiusure di notte per manutenzione

Riprendono da stanotte i cantieri sulla Milano – Meda per attività di manutenzione straordinaria e per le indagini previste nell’operazione ponti sicuri. I controlli sotto...
vaccino sindaci

Vaccino: Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano lo fanno in proprio, nella sede della Croce...

Da questo pomeriggio gli anziani over 80 di Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano Laghetto, stanno ricevendo la vaccinazione anti-Covid dal loro medico di base,...
carabinieri controllo Groane

Carabinieri travestiti da runners prendono pusher 22enne tra Solaro e Limbiate

Nella giornata di sabato 6 marzo i Carabinieri del Nucleo operativo di Saronno hanno arrestato un 22enne di origine marocchina per spaccio di sostanze...

8 marzo, “Just Like a woman” uno spettacolo sull’universo femminile col patrocinio di Saronno

«Femminicidio fenomeno impressionante, scuote la coscienza del paese». Lo ha detto questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al...

Covid, Draghi valuta l’idea di una super zona rossa per tutta Italia da settimana...

La situazione covid in Italia è tornata a complicarsi ulteriormente nelle ultime settimane e, nonostante le misure restrittive prese negli ultimi giorni (tra cui...

Troppo difficile lavorare a casa? A Origgio si può fare smart-working a Villa Borletti

Possono essere tanti gli ostacoli allo smart-working: figli a casa da scuola che hanno bisogno di attenzioni, rumori e vociare continui, incombenze domestiche varie....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !
"