HomeNORD MILANOPaderno, la rabbia del pizzaiolo: "A 10 mesi dalla multa in lockdown,...

Paderno, la rabbia del pizzaiolo: “A 10 mesi dalla multa in lockdown, mi chiudono la pizzeria per 5 giorni”

“Oltre il danno, la beffa. Ora dopo una multa da 280 euro perdo l’incasso di un intero fine settimana”. C’è rabbia nelle parole di Mario Spadafora. Da 7 anni sforna pizze nella sua pizzeria di via don Dossetti a Paderno Dugnano che gestisce assieme alla moglie proprio di fronte alla biblioteca. Ma per tutto questo fine settimana dovranno stare con le braccia incrociate.

“Come se non bastasse non possiamo neanche entrare in negozio per sistemare la merce che rischia di andare a male”, dice il pizzaiolo. Giovedì mattina la Finanza si è presentata con un’ordinanza in mano: licenza sospesa per 5 giorni. Mario e sua moglie devono rimanere chiusi. Tutta colpa di una multa di ben 10 mesi fa.

È il 30 aprile del 2020, dopo il primo lockdown le attività commerciali riprendono lentamente. Per bar, ristoranti e pizzerie è consentito effettuare solo la consegna a domicilio. È assolutamente vietato per evitare assembramenti avere clienti in negozio o consegnare cibo all’esterno. L’unica possibilità consentita dal Dpcm in questa fase è quella dell’asporto. “Potevo consegnare le pizze a un cliente solo alle 19:30, lui però aveva fretta ed è passato in negozio”, racconta Spadafora. A quella consegna assiste anche la Guardia di Finanza che interviene immediatamente. Risultato: 280 euro di verbale per il pizzaiolo e altrettanti per il cliente.

“Un conto salato per 3 pizze da 15 euro, ma ho pagato la multa e non ho detto nulla”, afferma Spadafora. Sembrava un capitolo chiuso fino a giovedì mattina: “Si presentano due finanzieri con un’ordinanza del Prefetto: licenza sospesa per 5 giorni”. Un fulmine a ciel sereno per la pizzeria che proprio al giovedì acquista la merce per il fine settimana. “Oltre al danno da 4mila euro per il mancato incasso, non possiamo neanche entrare in negozio perché ci sono i sigilli che verranno tolti martedì mattina dai finanzieri”, dice Spadafora. E c’è anche dell’amarezza: “Non è neanche bello dopo 7 anni di lavoro vedere quel cartello sulla nostra vetrina”. 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Lotta allo Spaccio nelle Groane, sequestro di cocaina e due denunce

Continuano le operazioni della Polizia Locale nell'ambito del progetto "Parco Groane e Stupefacenti". Nella giornata di ieri la task force è stata impegnata in un...

Incendio ex Snia a Varedo, Arpa: “Situazione sotto controllo”

Sono arrivati degli aggiornamenti circa la situazione nell'area della ex Snia, interessata nella giornata di ieri da un maxi incendio nel quale, stando ai...
varedo incendio snia

Incendio ex Snia a Varedo, l’Arpa: rifiuti sotto sequestro da più di tre anni,...

A distanza di ore dall'inizio dell'incendio devastante nell'ex Snia di Varedo e anche a distanza di chilometri, si continuano a sentire gli effetti del...

Inaugurato il nuovo stadio di Cislago: qui anche l’Azzurra Mozzate e il Como...

In piena campagna elettorale a Cislago, è stato inaugurato questa mattina il nuovo stadio realizzato da Autostrada Pedemontana Lombarda sul viale dello Sport. Un...
Limbiate incendio

Incendio ex Snia a Varedo, Arpa: bruciano 2000 tonnellate di rifiuti, oggi doveva iniziare...

Nel maxi incendio in corso nell’ex Snia di Varedo stanno andando a fuoco 2000 tonnellate di rifiuti in un capannone sotto sequestro che proprio...

Limbiate, fumo denso in strada per il maxi incendio all’ex Snia di Varedo |...

Fumo denso nelle strade di Limbiate e Varedo per il maxi incendio che si è sviluppato questa mattina prima delle 6 nell’ex Snia. In...

Centro sportivo intitolato a Bearzot, ospitata la figlia

Intitolato il centro sportivo a Bearzot.  La giunta e l’Asd Gerenzanese hanno ospitato per l’occasione la figlia di Enzo Bearzot, Cinzia, e il nipote,...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !