HomeBRIANZAMisinto, chiesti 23 anni per l'assassino di Bruno Piuri

Misinto, chiesti 23 anni per l’assassino di Bruno Piuri

Misinto omicidioIl 29 marzo sarà emessa la sentenza del processo per l’omicidio di Bruno Piuri. Lunedì scorso c’è stata la seconda udienza, e la prossima sarà, appunto, la terza ed ultima, con il pronunciamento della sentenza. Ma lunedì si è entrati nel merito della vicenda con l’interrogatorio dell’imputato reo-confesso, Carmelo Volo, di 82 anni e anche dei testimoni portati dalle parti civili. Il pm ha chiesto la condanna a 23 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato e porto abusivo di arma da fuoco.

Le accuse si riferiscono alla tragedia che si consumò il 20 giugno 2020, quando Volo ha sparato 5 colpi di pistola contro il vicino di casa Bruno Piuri, 58 anni, sulla stradina che divide le due abitazioni in via Monte Rosa.
Il pm della Procura di Monza Carlo Cinque ha contestato l’aggravante dei futili motivi ma ha concesso all’imputato le attenuanti generiche. I difensori di parte civile hanno chiesto che sia contestata invece l’aggravante della premeditazione e che venga sottoposta a sequestro, in vista del risarcimento dei danni, la casa dell’imputato, ceduta alla badante “con un atto simulato di compravendita perché la donazione poteva essere impugnata dal figlio che lui voleva diseredare”.

In aula sono stati sentiti, la moglie di Bruno, Giovanna, il fratello Fabio e poi altri tre testimoni, tra cui due persone di Cogliate che hanno raccontato di come Carmelo Volo, già ai tempi in cui aveva vissuto a Cogliate, a fine anni Novanta, aveva sparato contro il laboratorio di falegnameria in via Diaz, come avevamo documentato anche su queste pagine in un articolo dello scorso mese di luglio.

Carmelo Volo, collegato in videoconferenza dal carcere di Monza ha detto: “I miei soldi li posso pure dare a un cane in bocca – ha detto Carmelo Volo, secondo quanto riportato nella cronaca del processo sul quotidiano il Giorno – Io ho un figlio ma gli voglio lasciare solo gli occhi per piangere e così anche ai miei parenti. Con la mia defunta moglie abbiamo deciso di lasciare la casa alla badante a cui è stata venduta regolarmente”.
In aula anche la badante, una 50enne di Caronno Pertusella, a cui è stato chiesto conto della compravendita della casa.
La difesa del pensionato ha puntato ad una riduzione di pena sostenendo che l’imputato era vittima di una paranoia sul passaggio nella stradina privata da condividere, che lo ha convinto di essere un perseguitato.
“Siamo determinati ad ottenere piena giustizia per mio fratello sia sul fronte penale che su quello civile” -ha commentato a fine udienza Fabio Piuri.

Gabriele Bassani


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Grave incidente tra Ceriano e Rovello, tre feriti in un frontale | FOTO

È di pochi istanti fa l'incidente che si è verificato sulla Sp31, strada provinciale che da Ceriano Laghetto porta a Rovello Porro. Si...

Monza e Brianza, 380mila euro per migliorare sicurezza e impianti di videosorveglianza

"Migliorare la sicurezza sui territori, anche con con la realizzazione di nuovi impianti di videosorveglianza". È questo uno degli obiettivi fondamentali di Regione Lombardia...

Caronno: scoperta serra di marijuana in casa, 48enne ai domiciliari

Aveva allestito alcune stanze di casa come serre, con tanto di lampade solari, per la produzione di marijuana: è così finito in manette un...
Limbiate Istituto via pace

Limbiate, 26 insegnanti in isolamento nell’Istituto comprensivo di via Pace

A Limbiate ci sono 26 docenti in isolamento fiduciario nell'istituto comprensivo di via Pace. Sono 13 maestre della primaria di via Pace e 13...

Busto Arsizio, incidente sul lavoro: operaio 49enne muore schiacciato da un tornio

Nella mattinata di oggi, mercoledì 5 maggio, Christian Martinelli, operaio di 49 anni di Sesto Calende, è morto dopo essere rimasto schiacciato da un'enorme...
Bollatese Teva Nerviano lavoratori

La Teva di Nerviano chiuderà: molti lavoratori a rischio anche a Bollate e dintorni

Annunciata la chiusura della Teva di Nerviano: ci lavorano anche molti residenti del Bollatese. La Teva Italia di Nerviano chiuderà nel 2022, lasciando a casa...

Lombardia, approvata in consiglio regionale una mozione contro il coprifuoco

Nella giornata di oggi, martedì 4 maggio, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione avanzata dal centrodestra circa l'abolizione del coprifuoco in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !