HomePrima PaginaCovid, i pasticceri di Uboldo trasferiti a Miami: “In America veri aiuti...

Covid, i pasticceri di Uboldo trasferiti a Miami: “In America veri aiuti e niente terrorismo”

Michele e Franco La Tona con amici e il calciatore Alessandro Nesta

“La pandemia? Qui, a differenza dell’Italia, ci sono stati veri aiuti ed è stato fatto di tutto per non far crollare l’economia”. E’ la testimonianza di Michele e Franco La Tona, che anni fa chiusero la loro pasticceria “Dolci di Sicilia” a Uboldo per cominciare una nuova avventura in America, niente meno che a Miami Beach, in Florida. Non avendo mai perso i contatti con la loro terra siciliana e con gli uboldesi, in questi giorni hanno postato su Facebook diverse foto che mostrano come stia tutto ripartendo in America: anche con concerti e apertura dei ristoranti al chiuso. Abbiamo contattato i pasticceri via Messenger facendoci raccontare la loro realtà e come vedono la situazione italiana.

Come avete vissuto lì l’inizio della pandemia?

“Quando è scoppiata l’abbiamo vissuta come tutto il mondo: panico e incertezza. Ma in Florida abbiamo avuto poco più di un mese e mezzo di blocco totale. Ovviamente aeroporti e porti erano chiusi. C’era tutto chiuso, ma tanti esercizi di ristorazione, compresi bar e pasticcerie come la nostra, sono sempre rimasti aperti solo da asporto”.

Non c’è mai stato il coprifuoco come in Europa?

“No, fatta eccezione qualche notte per evitare saccheggi in certe zone un po’ a rischio. A parte i due mesi iniziali di sofferenza, quindi con incassi bassi e poca gente in giro, pian piano si è sempre lavorato”.

E il settore turistico?

“E’ stato bastonato: dagli hotel ai taxi ai locali notturni alle compagnie turistiche ci hanno rimesso tutti. Ovviamente diverse attività hanno chiuso: tanti che erano già in difficoltà con questa crisi hanno avuto il colpo di grazia”.

Vi sentite fortunati, dunque, a esservi trasferiti lì?

“Certamente, perché qui sì che il Governo si è messo in moto con tanti, ma tanti aiuti: dai mezzi pubblici ai parcheggi, alle tratte autostradali gratuiti, alle agevolazioni per pagare meno le bollette. Per non parlare degli aiuti alimentari, con centri di distribuzione per tutti e ovunque: praticamente passi con la tua macchina e c’è chi ti carica  latte, succhi di frutta, frutta, legumi e tanto altro… Addirittura ai pensionati hanno garantito la distribuzione  pasti consegnati direttamente a casa. Insomma, aiuti concreti”.

Anche lì hanno dato i ristori?

“Sì, ma quelli veri. Ogni cittadino ha percepito fino a 3.200 dollari in sei o sette mesi (anche i figli minori hanno ricevuto fondi): una cifra davvero generosa considerando che, bene o male, tutti hanno potuto continuare a lavorare nell’ultimo anno. Per le attività imprenditoriali e commerciali hanno previsto prestiti facilitati: presentato alla banca il conto di spese fisse come bollette e costo dei dipendenti, nel giro di tre giorni la richiesta viene approvata. Ma attenzione: il Tesoro ti tiene d’occhio. Se spendi il denaro per il tuo locale, saranno soldi a fondo perduto, quindi non si restituisce nulla; ma se li usi per cose non attinenti alla tua attività, li devi restituire, anche se con interessi ridicoli e con il tempo. Conosciamo gente con ristoranti da 50 a 60 posti che ha sempre ricevuto aiuti modulati sulla grandezza del locale e sulle spese effettive. Mentre gli operatori turistici rimasti disoccupati hanno ricevuto 600 dollari a settimana. Proprio così: 600 dollari”.

E l’informazione com’è? Tartassa come da noi?

“Qui, a livello di Tg, non ne parlano e non assillano la gente con dati di contagi e morti: sì, se ne parla, ma non come lì da voi. Secondo me è meglio così, perché abbiamo l’impressione che in Italia terrorizzino la gente. In ogni caso, non sentiamo parlare granché della situazione europea, qui si va avanti pensando solo alla situazione americana. In Usa ogni Stato ha il federalismo: tanti governatori seguono il Governo centrale ma tanti no. Qui in Florida abbiamo un governatore repubblicano che è sempre stato per la linea non rigida: stare attenti ma senza bloccare l’economia e far cadere in disgrazia tante persone”.

Insomma, state assaporando la normalità?

“Possiamo dire che manca poco. Ci auguriamo che in Italia i politici si sveglino e che vi riprendiate presto. Buona fortuna a tutti e speriamo bene”.  


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

MIlano Meda

Seveso, la Polizia provinciale ferma un 12enne in bicicletta sulla Milano-Meda

La Polizia Provinciale ha bloccato ieri un 12enne di Seveso mentre andava in bicicletta sulla Milano-Meda. Gli agenti sono stati allertati da numerosi segnalazioni di...

Maturità 2021: primo giorno di esami orali, studenti di Saronno divisi I VIDEO

Anche nei dieci istituti superiori di Saronno la campanella è suonata questa mattina, 16 giugno, per l'inizio degli esami di maturità. Dopo il sorteggio...

Invasione di piccioni a Caronno: 300 euro di multa per chi gli dà cibo

Muoversi per le strade di Caronno Pertusella senza incontrare un piccione è raro. Alcune zone stanno subendo una vera e propria invasione di questi...
Saronno Corso Italia

Saronno, ragazze minacciate in Corso Italia, i testimoni: “Violenza di giorno in pieno centro,...

La musica nel negozio maschera solo in parte la paura che serpeggia sui volti delle commesse dopo aver visto, intorno a mezzogiorno, un giovane...
estintori quarto oggiaro

Quarto Oggiaro, baby gang ruba estintori sui treni per danneggiare autobus | VIDEO

La Polizia di Stato ha identificato, e denunciato a vario titolo per danneggiamento e furto pluriaggravati, gli 8 giovani ragazzi tra i 15 e...

Saronno, minaccia due ragazze con un coltello in pieno centro: arrestato

Attimi di puro terrore sono stati vissuti oggi a Saronno, in pieno centro, dove un giovane armato di coltello ha minacciato e cercato di...
centri estivi lombardia

Lombardia, centri estivi: annullato il bando, comuni e parrocchie in difficoltà

Saltano i finanziamenti regionali per i centri estivi: servirà ancora una settimana di tempo per capire quanto e come verranno finanziate i progetti dei...
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !