HomeBUONO A SAPERSITumore alla prostata, nuova tecnologia al San Gerardo di Monza

Tumore alla prostata, nuova tecnologia al San Gerardo di Monza

Ospedale San Gerardo Monza All’Ospedale San Gerardo di Monza, una nuova tecnologia per la diagnosi e la cura del tumore alla prostata. All’interno dell’Unità operativa di Radioterapia diretta dal prof. Stefano
Arcangeli, direttore della Scuola di specializzazione in Radioterapia dell’Università degli
Studi di Milano-Bicocca, è ora disponibile una tecnologia avanzata per il trattamento del
tumore della prostata.

L’apparecchiatura di ultimissima generazione, denominata Raypilot (Micropos Medical AB)
utilizza un acceleratore lineare, di ultima generazione associato ad uno strumento di
monitoraggio real time del movimento dell’organo durante il trattamento, consentendo di
erogare la massima dose alla recidiva di malattia anche in pazienti già precedentemente
sottoposti a radioterapia.

L’elevata precisione garantita da questo sistema consente di effettuare il trattamento in
poche sedute (1-5), in regime ambulatoriale e senza alcuna invasività. Attualmente la
recidiva locale di tumore della prostata nel paziente già radiotrattato viene affrontata
pressoché esclusivamente con una terapia farmacologica, trattamento palliativo non
esente da importanti effetti collaterali cardiovascolari, metabolici e neurologici. In alcuni
casi è possibile anche un approccio chirurgico, ma è un intervento complesso e molto
demolitivo, gravato da potenziali complicanze molto invalidanti sulla qualità di vita del
paziente.

Con Raypilot ottimi risultati in tempi brevi contro il tumore alla prostata

Al contrario, il trattamento radioterapico mediante Raypilot, non possibile con
tecnologie convenzionali per l’elevato rischio di effetti collaterali ad organi critici (vescica,
retto, uretra), può garantire ottimi risultati in termini di radicalità, può essere eseguito in
tempi molto brevi e riduce sensibilmente gli effetti collaterali e i rischi per il paziente.
Prima di effettuare il trattamento con Raypilot è necessaria un’accurata rivalutazione del
paziente, sia per la definizione della recidiva prostatica sia per l’esclusione di eventuali
metastasi a distanza che precludono l’accesso al trattamento stesso.
Per tali scopi all’ospedale San Gerardo vengono utilizzate tecnologie avanzate di
diagnostica per immagini. La RM 3 Tesla, in dotazione presso la U.O. di Radiodiagnostica
diretta dal dott. Rocco Corso, è attualmente la metodica di riferimento per lo studio della
recidiva locale di malattia e per la definizione del target di trattamento, mentre la PET con
18F-PSMA è a sua volta lo standard diagnostico per la ricerca delle metastasi a distanza ed
è eseguita presso la U.O. di Medicina Nucleare diretta dal prof. Luca Guerra, professore
associato di Diagnostica per immagini e radioterapia dell’Università degli Studi di Milano-
Bicocca, utilizzando un tomografo digitale di ultima generazione. Entrambe queste
apparecchiature sono operative presso il San Gerardo già dal 2020.

Tumore alla prostata, al San Gerardo terapie meno invasive 

“La dotazione tecnologica di elevata qualità, implementata al San Gerardo anche grazie
alla collaborazione scientifica in essere con la Fondazione Tecnomed e l’Università degli
Studi d Milano-Bicocca – sottolinea il Direttore Generale della ASST Monza Mario Alparone
– consente oggi ai nostri pazienti di avvalersi di terapie meno invasive, erogabili in minor
tempo e con benefici di cura importanti”


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Petizione popolare a Caronno: “Vogliamo un parco e un’area cani”

Al via la raccolta firme per trasformare in parco giochi e area cani il boschetto tra via Nino Bixio e via Bainsizza a Caronno...

Bollate, volontari al lavoro nel weekend per togliere le scritte dai muri

Un fine settimana impegnativo quello dei volontari guidati da Alessandro Parisi, coordinatore della Velostazione di Bollate, che si sono dedicati alla pulizia dei muri...

Saronno, Caronno, Origgio, Uboldo, Gerenzano, Cislago: in 800 col reddito di cittadinanza ma senza...

Nella zona del Saronnese sono 798 i percettori del reddito di cittadinanza, dei quali lavora solo qualche decina. Tutta colpa di una legge troppo...
rovello porro

Quattro camion rubati a Seveso per bloccare le strade di Rovello e assaltare il...

Una banda di malviventi ha rubato quattro camion per la raccolta rifiuti di Gelsia Ambiente stanotte a Seveso per mettere a segno l’assalto al...
Solaro Monegato

Monegato, da Solaro, primo italiano a completare l’ultramaratona Sparta-Atene di 246 km

Piergiuseppe Monegato, di Solaro, è uno dei finishers della più importante ultramaratona del mondo, la Sparta-Atene, sulla distanza di 246 km. Precisamente, Monegato, è...
rovello porro

Camion di traverso tra Rovello Porro e Turate, assalto al Monopolio

  AGGIORNAMENTO: Sono 4 i camion rubati stanotte a Seveso e utilizzati a Rovello (LEGGI QUI) Tre grossi camion messi di traverso a bloccare la principale...
rave party solaro

Rave Party a Solaro, al confine con Saronno: decine di giovani tra musica e...

Un rave party si è svolto nella notte tra sabato e domenica a Solaro, in via vicinale della Calos, a ridosso del confine con...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !