HomeBOLLATESENovate MIlanese, vince un telefono ma è solo una truffa

Novate MIlanese, vince un telefono ma è solo una truffa

telefono carta credito truffa
Biglietto da visita foto creata da jannoon028 – it.freepik.com

Vince un telefono e… scatta la truffa.

Le truffe online sono ormai all’ordine del giorno e i truffatori sono sempre più informati e decisamente preparati dal punto di vista informatico. Una delle ultime truffe che sono state segnalate alla redazione è quella subita da una donna residente a Novate.

“Sono ormai abituata a fare acquisti online e per questo uso una Postepay, che non è una carta di credito, ma di debito – ci racconta- Quindi quando devo fare un acquisto carico la carta e compro. Sulla mia carta non ci sono mai più di 2 o 3 euro”.

La donna purtroppo non ha fatto i conti con i truffatori informatici che si sono fatti sempre più scaltri e spregiudicati, tanto da “appoggiarsi” a siti online molto conosciuti e utilizzati da migliaia di persone.

“Stavo facendo un acquisto su Amazon, quando mi è comparsa una offerta curiosa: partecipare a un test per poter vincere eventualmente un telefono cellulare. Stupidamente ho effettuato il test, che consisteva in poche e semplici domande e, naturalmente, sono risultata vincitrice del telefono. Mi è stato chiesto un addebito di soli 1,95 €, per coprire i costi di spedizione del telefono. E, ancora stupidamente, ho fornito i dati della mia Postepay. L’addebito è stato fatto, ma naturalmente del telefono non si è vista l’ombra”.

“Mi sono resa conto della truffa quando ho ricaricato la mia Postepay per un altro acquisto, un piccolo ordine di circa 13 euro. I soldi, non appena messi sulla Postepay, sono spariti. In più, in posta elettronica ho cominciato a ricevere messaggi che mi avvisavano che c’era un pagamento non andato a buon fine, da parte di questa società che ogni due giorni esigeva 50 o 65 euro a volta, per servizi inesistenti. Nel sito della società chiaramente non esiste un modo sicuro per contattarli”.

La donna ha quindi fatto i dovuti controlli con la propria banca e si è informata, scoprendo che la società in questione è stata già segnalata proprio per la medesima truffa da molte altre persone, in Italia, ma non solo.

“Praticamente io avrei sottoscritto un abbonamento, del costo di circa 50 euro, non so se mensili o annuali, con non so quale società. Tutto quello che ho potuto fare è stato bloccare e disabilitare in modo irreversibile la mia Postepay, e segnalare l’episodio alle autorità competenti. Nè Amazon, nè Postepay sono stati responsabili di questa truffa, ci tengo a dirlo: acquisto e uso i loro prodotti e servizi da anni senza avere mai avuto alcun tipo di problema. Si tratta molto probabilmente di pirati informatici che si agganciano ai siti più utilizzati per gli acquisti online”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

auto medica areu

Paullo, incidente sul lavoro, operaio folgorato da alta tensione in cima ad un ponteggio

Un nuovo gravissimo incidente sul lavoro in questo gennaio nero in Lombardia: a Paullo un operaio di 30 anni è rimasto folgorato dopo avere...

L’Ema ha dato l’ok per Paxlovid, la pillola anti-Covid di Pfizer

Nella giornata di oggi, giovedì 27 gennaio, l'Ema, l'Agenzia europea del farmaco, ha autorizzato l'immissione in commercio condizionale per il Paxlovid, la pillola anti-Covid...

Si brucia la pompa del depuratore, appello del canile di Uboldo: “Da soli non...

Si brucia la pompa del depuratore del canile rifugio “Una luce fuori dal lager” di Uboldo e, in emergenza, è stato necessario acquistarne una...

Pedemontana al posto della Milano-Meda, cantieri entro 13 mesi

I lavori per la tratta B2 di Pedemontana, da Lentate sul Seveso a Cesano Maderno, potrebbero partire nel giro di un anno e andranno...

Italiani, brava gente… arrabbiata

Gli Italiani sono un popolo che nel mondo ha un’immagine di gente allegra e simpatica, ma questa immagine io faccio molta fatica a vederla,...

Saronno, la Polizia Locale rinnova il suo parco auto con mezzi non inquinanti

Ad inizio anno sono arrivati a Saronno tre nuovi mezzi che andranno a potenziare il parco auto a disposizione del comando di Polizia Locale...

Uboldo e Origgio: blitz e camminate frenano lo spaccio nei boschi

Buone notizie sul fronte dello spaccio di stupefacenti: sembra che il fenomeno, che attanaglia da sempre il territorio del Saronnese e in particolare il...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !