HomePrima PaginaScuola e disabili, da Saronno lettera dei genitori: "Mancano prof. di...

Scuola e disabili, da Saronno lettera dei genitori: “Mancano prof. di sostegno per i nostri figli”

 

Istituto scolastico Ignoto Militi a Saronno

Sono pochi e spesso precari, destinati a cambiare istituto ad ogni anno scolastico. Settembre si avvicina e la carenza degli insegnanti di sostegno mette in allarme le famiglie degli studenti con disabilità di ogni ordine e grado, dall’asilo fino alle classi medie. A Saronno quindici genitori dell’istituto comprensivo “Ignoto Militi” hanno scritto pochi giorni fa una lettera al direttore generale dell’ufficio scolastico regionale di Regione Lombardia, Augusta Celada, per denunciare la penuria di risorse destinate agli alunni diversamente abili, in termini di ore e di personale.

Dopo mesi di didattica a distanza e con il puzzle delle cattedre ancora tutto da comporre, il comitato dei genitori vede con preoccupazione l’inizio del nuovo anno scolastico per i loro figli. “Abbiamo un numero insufficiente di docenti di sostegno. – denuncia Raul Caruso, genitore di un bimbo affetto da sindrome di Down –  Facciamo fatica a comprendere se la qualità dell’insegnamento può rimanere accettabile in queste condizioni. Negli ultimi due anni, tra le questioni legate alla pandemia e il numero ridotto di personale, a farne le spese sono stati i ragazzi con disabilità. I docenti sono pochi, spesso sono costretti a cambiare tutti gli anni perché il meccanismo di deroghe alla legge crea supplenze su base sistematica. La legge è scritta male anche se la giurisprudenza dice che non si può vincolare l’assegnazione degli insegnanti di sostegno sulla base dei sostegni finanziari”.

Secondo l’Istat, ogni anno almeno il 10% delle famiglie dei 268mila alunni disabili è costretto a ricorrere ai tribunali per vedersi riconosciuto il monte ore di sostegno di cui avrebbero diritto. Problemi di quantità ma anche di formazione per i docenti che oltre all’aspetto didattico devono avere un occhio di riguardo alle esigenze specifiche di ciascun alunno. Sempre secondo i dati dell’istituto nazionale di statistica il 37% dei docenti incaricati non ha una formazione specifica sul sostegno.

Vittoria Casa (M5s): “11 mila assunzioni nel prossimo anno scolastico”

La commissione bilancio della Camera ha approvato un emendamento al decreto “sostegni bis” per l’assunzione con procedura semplificata di 11mila docenti di sostegno per l’anno scolastico 2021-2022. L’assunzione – a tempo determinato – passerà ad indeterminato dopo l’anno di prova e la relativa prova finale. In settimana l’Aula di Montecitorio voterà la fiducia chiesta dal governo sul provvedimento che passerà poi all’esame del Senato. Di seguito l’intervista a Vittoria Casa (Movimento 5 Stelle), presidente della Commissione Cultura della Camera e prima firmataria dell’emendamento.

Onorevole Casa, in che modo le immissioni in ruolo degli insegnanti di sostegno previste dall’emendamento al decreto sostegni bis approvato in commissione bilancio della Camera aiuteranno gli studenti disabili e le loro famiglie?

«Saranno decisive per dare una risposta che le famiglie attendono da molto, troppo tempo. La stima complessiva è di circa 11.000 docenti specializzati sul sostegno: si tratta di personale adeguatamente preparato, che ha svolto un lungo e complesso percorso di formazione, insegnanti in grado di seguire e valorizzare le capacità degli alunni con disabilità. È importante che ciò avvenga dopo un anno e mezzo di Dad e pandemia, un periodo nel quale circa 70.000 alunne e alunni disabili, per ragioni oggettive, hanno avuto molte difficoltà. È senza dubbio un risultato importante».

 In che modo il personale selezionato in servizio da settembre sarà formato per svolgere opportunamente questo delicato ruolo?

«Parliamo di docenti in possesso del titolo di specializzazione, passati quindi per un percorso complesso, di livello universitario, che prevede prove preselettive, uno scritto, un orale e un tirocinio. Il personale che verrà assunto dal prossimo anno scolastico dovrà inoltre passare un anno di formazione: un anno nel quale dovrà dimostrare adeguate competenze inclusive e un’attitudine a ricoprire questo ruolo così delicato».

Perché invece dell’emendamento che interviene sul singolo anno scolastico il Parlamento non approva una legge organica per finanziare in via permanente la formazione e l’assegnazione degli insegnanti di sostegno?

«Perché il problema delle assunzioni nella scuola italiana è particolarmente complesso. In sostanza, per dare una risposta soddisfacente a tutti gli alunni con disabilità, occorrerebbe trasformare i posti in organico di fatto in posti in organico di diritto. Con il mio emendamento, i circa 11.000 docenti verranno assunti a tempo determinato e, dopo un anno, sottoposti a una prova che gli permetterà di ottenere un contratto a tempo indeterminato (dunque entrare a far parte dell’organico di diritto). Questo è un primo passo e continueremo su questa strada.  L’impegno per l’inclusione non è mai abbastanza».

Claudio Agrelli


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

furto abbraccio polizia

Ecco come sfilavano gli orologi con un abbraccio: tre denunciati a Milano | VIDEO

Ieri a Milano la Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà per furto con destrezza due cittadini peruviani, di 42 e 46...
arese rotatoria varesina

Arese, giovedì 9 aprirà la rotatoria Varesina-viale Resegone

La nuova grande rotatoria della Varesina all’incrocio con il viale Monte Resegone di Arese aprirà al traffico giovedì prossimo 9 dicembre e contemporaneamente verrà...
prima pagina notiziario

Carabinieri in chiesa contro le truffe; droga: donna di Saronno a capo della banda...

Il nuovo numero del Notiziario si apre con la notizia dei carabinieri in chiesa a Saronno per mettere in guardia le persone anziane dai...
cani anti covid

I cani anti-Covid dei carabinieri addestrati con i pazienti del Sacco di Milano |...

Nella primavera 2021 l’Università degli Studi di Milano e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione per l’impiego di cani del Centro...
droga saronno cesate

Droga: donna di Saronno a capo della banda tradita dal socio, 5 arresti tra...

Una donna di Saronno è ritenuta a capo della banda arrestata in queste ore dai carabinieri della Compagnia di Desio per traffico di stupefacenti....

Saronno, obbligo di mascherina all’aperto ma solo in certe vie e in certi orari

Anche a Saronno scatta l’obbligo di mascherina all’aperto in centro, ma solo nei fine settimana e nei giorni festivi. Lo prevede l’ordinanza emessa mercoledì...

Caronno, alloggi protetti per anziani nell’ex Casa Borsani

Alloggi protetti e assistenziali nel futuro di anziani. E’ quanto prevede il progetto che sta maturando a Caronno Pertusella dopo che è stata riscontrata...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !