HomeSERIE TVBlack Summer, recensione: disposti a tutto per sopravvivere

Black Summer, recensione: disposti a tutto per sopravvivere

di Stefano Di Maria

Le serie di zombie hanno sempre il loro fascino per gli appassionati del post-apocalittico. Troppo spesso, però, ci si limita a considerarle un ottimo intrattenimento per chi cerca l’azione e il climax tipico dei prodotti survivor. Invece posso offrire molto di più, mostrando come si trasformano gli esseri umani in condizioni di cattività e lotta per la sopravvivenza. Non è il caso di Z NATION, più fumettistica, ma quello della famosa THE WALKING DEAD e della sua costola FEAR THE WALKING DEAD.

Una nuova sperimentazione in tal senso arriva da Netflix, che ha pubblicato lo scorso mese la seconda stagione di BLACK SUMMER, dopo il rinnovo dell’ottima uscita dell’11 aprile 2019. Scritto da Karl Schaefer e John Hyams, questo show horror statunitense immagina una pandemia mondiale generata da un virus che riporta in vita i morti. Niente di nuovo sotto il sole, direte. In realtà si tratta di un prodotto che si distingue. Al centro della vicenda c’è una madre che si ritrova improvvisamente separata dalla figlia. Nella prima stagione l’abbiamo vista lottare con un gruppo di sopravvissuti per riuscire a trovarla ed è proprio all’epilogo della ricerca, quando si incontrano in uno stadio, che si è fermata la storia. Nella seconda a fare da sfondo non è più l’estate (tanto che il titolo originale sembra superato) ma l’inverno. Un freddo e penoso inverno nel quale sopravvivere è ancora più complicato. Madre e figlia si trasformano: il mondo è cambiato e loro devono adeguarsi per restare insieme e salvaguardare la propria vita. Non sarà per niente facile, perché dovranno guardarsi non solo dagli zombie, più veloci e più feroci di quelli che siamo abituati a vedere  nelle produzioni cinematografiche e seriali, ma anche dai loro simili, disposti a qualunque cosa per non morire.

La forza di questa serie sta proprio in questo aspetto: esplorare le mutazioni della mente umana in un contesto post-apocalittico: quanto si può diventare insensibili al dolore altrui? Quanto freddi e spietati per un posto sicuro e un piatto caldo? Impressionante, oltre tutto, il modo in cui viene mostrata la mancanza di fiducia verso il prossimo: dietro gli occhi più gentili, dietro il volto più disperato, può nascondersi la persona più crudele, senza morale né pietà. Non resta che fidarsi solo dei propri familiari, come faranno la protagonista e sua figlia, indurite dalle terribili esperienze vissute.

In BLACK SUMMER, ben girato e con un cast che funziona, non ci sono quasi mai tempi morti. Il ritmo è sempre incalzante, ogni momento è buono per rischiare la vita e dover combattere per restare vivi. Inevitabile interrogarsi: come reagirei io in una situazione del genere?

Trovate qui tutte le nostre recensioni https://www.ilnotiziario.net/wp/serie-tv/


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

prima pagina notiziario

Telos da Saronno… in Parlamento, cooperativa di ambulanze sequestrata a Bollate | ANTEPRIMA

Questa settimana il notiziario si apre con una notizia che arriva da Roma: al Parlamento infatti si è parlato dei Telos di Saronno, citati...

Paderno Dugnano, testata e botte alla polizia locale: un arrestato e 4 agenti feriti...

Quattro agenti feriti con prognosi fino a 15 giorni di cui uno con ferite al naso, a un labbro e a una gengiva a...

Gianetti Ruote, i lavoratori bloccano la strada provinciale tra Ceriano e Solaro I FOTO

Presidio ad oltranza ma questa volta in strada. Nel pomeriggio una ventina tra i lavoratori licenziati della Gianetti Ruote di Ceriano Laghetto hanno bloccato...
carabinieri monza

Accoltellato sul treno da Varese a Tradate per rapinarlo, arrestato 19enne

I Carabinieri della Tenenza di Tradate hanno deferito all’Autorità giudiziaria, in stato di libertà, C.A.R., un 19enne italiano che ha tentato la rapina commessa...

Paderno, aiuti a negozi e attività in crisi per il Covid: 115mila euro dal...

Contributi da 1.000 a 2.000 euro per imprese, negozi e attività commerciali che hanno subìto un calo di almeno il 30% del fatturato. Il...
Bollate Sofia arcieri solesi

Bollate: Sofia una “stella d’oro” in casa degli Arcieri Solesi

  Il 2021 e’ stato un anno storico per la giovane arciere Sofia Caccia, classe Juniores della Società di Cascina del Sole di Bollate. Un anno...
104

Blitz anti-droga da Paderno a Uboldo: cocaina nascosta sotto il water

Aveva nascosto 160 grammi di cocaina sotto la tazza del water, ma la Guardia di Finanza l’ha trovata. I finanzieri sono giunti  a Uboldo a...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !