HomeBOLLATESEGarbagnate, picchiò Vito Clericò: sei mesi di carcere

Garbagnate, picchiò Vito Clericò: sei mesi di carcere

Garbagnete vito clericò Vito Clericò, il magazziniere che anni fa, secondo  le prime due sentenze di Tribunale uccise Marilena Re, la decapitò e seppellì il corpo nel suo orto di Serenella, mentre gettò la testa in un sacchetto tra i rifiuti della via Biscia, continua a far parlare di sé, sebbene si sia suicidato in carcere poco meno di un anno fa, sebbene stesse ancora attendendo l’esito del processo in Cassazione.

A riportare all’attenzione della cronaca le tristi vicende del Clericò è il processo per l’aggressione che Vito subì nel carcere di Busto Arsizio il 21 novembre del 2017, quando si trovava in cella insieme a Roberto Guaia, il muratore di Gela condannato a vent’anni (con patteggiamento) per aver ucciso due dei suoi figli e averne poi posto i cadaveri sul letto, abbracciati tra loro.

Il tutto per vendicarsi nei confronti della moglie che aveva chiesto il divorzio.Un tipo poco raccomandabile quel Guaia, che però aveva ricevuto una condanna più mite rispetto a Clericò (che invece è stato condannato all’ergastolo) poiché al muratore era stata riconosciuta la semiinfermità mentale.

Dato che aveva commesso il duplice omicidio nel 2004, tra un paio d’anni sarebbe tornato libero. Ma adesso dovrà restare in cella per sei mesi in più proprio a causa dell’aggressione a Clericò del 2017.

Che cosa accadde realmente in quella cella del carcere di Busto? La verità è emersa al processo, che si è concluso pochi giorni fa con la condanna a sei mesi del Guaia. Vito aveva subito delle pesanti avances dal Guaia, che lo costrinse a spalmargli una crema sulle parti intime, poi di scatto cercò di abbassare i pantaloni al Clericò con un chiaro intento di violenza sessuale, che però non andò a buon fine poiché Vito si oppose.

Nei giorni successivi Clericò scrisse ciò che era accaduto in una lettera diretta al suo avvocato, ma il Guaia riuscì a leggere ciò che Vito stava scrivendo in cella e così si infuriò, aggredì il garbagnatese con un piatto metallico con cui mangiano i detenuti e lo picchiò al punto da farlo finire all’ospedale.

Clericò rimase diversi giorni in ospedale, mentre Roberto Guaia fu trasferito al carcere di Pavia. La denuncia fece cominciare il processo, che non si è interrotto neppure con il suicidio in cella di Vito Clericò.

La Giustizia è andata avanti lo stesso ed è arrivata nei giorni scorsi a condannare il Guaia a sei mesi aggiuntivi di carcere, sentenza emessa dal giudice Rossella Ferrazzi.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

A Caronno raffica di furti di biciclette. E qualcuno riconosce la sua per strada…

Due settimane fa è stato presentato il progetto “Fli”, promosso da Fnm, FerrovieNord e Trenord insieme con Regione Lombardia, che prevede la realizzazione di...

Lombardia, bus incendiato a Varenna. Il riconoscimento del Consiglio regionale a Mascetti e Lo...

Un lungo e affettuoso applauso di tutto il Consiglio regionale ha accolto Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato, ospiti questa mattina a Palazzo Pirelli nell’Aula del parlamento...

Uboldo, un euro a pizza per far tornare a sorridere Jessica

In questi giorni sono tutti mobilitati per aiutare Jessica Di Ciommo, la 28enne di Uboldo che si trova in stato vegetativo da quando è...

Rho, carabinieri inseguono auto che tenta di investirli, poi sparano per fermarla

I carabinieri di Rho hanno inseguito un veicolo in fuga e sparato per bloccarlo dopo che il conducente aveva speronato l’auto dei militari e...
Novate merce sequestrata

Novate Milanese, merce sequestrata nel magazzino da incubo | FOTO

Merce sequestrata nel magazzino-incubo a Novate Milanese. La Polizia locale novatese, al termine di un’indagine che aveva preso origine a fine maggio, ha compiuto settimana...
Bollate incendio box

Bollate, incendio nei box delle case comunali: preoccupazione tra i residenti

Incendio nei box delle case comunali a Bollate. E la preoccupazione cresce dopo questo episodio, dal momento che come riferiscono i residenti “La situazione di...
lentate vigili del fuoco

Lentate, ramo spezzato sul corridoio del Comune, intervento dei pompieri di Lazzate | FOTO

Il ramo di un grosso albero è caduto questa notte sul corridoio sopraelevato di collegamento tra i due edifici della sede del Municipio a...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !