HomeNORD MILANOSaronno, rapina in gioielleria bloccando clienti e dipendenti: arrestati i due responsabili...

Saronno, rapina in gioielleria bloccando clienti e dipendenti: arrestati i due responsabili | VIDEO

saronno rapina gioielleriaI carabinieri della compagnia di Saronno hanno arrestato due giovani ritenuti responsabili della rapina in una gioelleria del centro di Saronno. I carabineri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Busto Arsizio.
La vicenda ha origine il pomeriggio del 19 giugno scorso quando due soggetti a bordo di un motociclo risultato rubato, raggiungevano l’area pedonale di Saronno che, essendo un sabato pomeriggio era particolarmente affollata.

Dopo aver lasciato il motociclo, con il volto travisato da casco mascherina e sciarpe e con un’arma in pugno, poi rivelatasi a salve, irrompevano all’interno di una gioielleria del centro, immobilizzando i dipendenti e gli avventori legandoli con fascette in plastica da elettricista e si impossessavano di preziosi e denaro contante per un valore di circa 6000 euro.

Riempita la borsa che avevano al seguito, di tutto ciò che erano riusciti a prendere si davano alla fuga cercando di raggiungere il motociclo parcheggiato a poche decine di metri, ma l’intervento di alcuni passanti, dei titolari della gioielleria e di una pattuglia di Carabinieri di quartiere che transitavano in quel momento nelle vicinanze, non dava loro il tempo di salire sul motociclo costringendoli a proseguire la fuga a piedi, facendo perdere le loro tracce nelle vie del centro e probabilmente per agevolarsi la fuga imprevista abbandonavano la borsa con gran parte della refurtiva che veniva recuperata dai Carabinieri e restituita ai proprietari.

Il video della rapina registrato all’interno della gioielleria di Saronno 

Immediatamente venivano avviate le indagini da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Saronno coordinate dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. Le indagini hanno impegnato i Carabinieri nell’acquisizione delle dichiarazioni dei testimoni e delle vittime, l’analisi delle immagini dell’impianto a circuito chiuso all’interno della gioielleria, la visione di decine di ore di immagini acquisite dagli impianti di videosorveglianza delle vie adiacenti e localizzazioni satellitari.

 

Dopo alcuni giorni era già stato possibile documentare il percorso che i due malviventi avevano seguito durante la loro fuga verificando che gli stessi a poche centinaia di metri dal luogo della rapina si erano introdotti in un cortile privato dove si cambiavano i vestiti, rimanendo con indosso abbigliamento più leggero che indossavano sotto gli indumenti utilizzati per la rapina, infatti dal conseguente sopralluogo eseguito dai carabinieri venivano recuperate felpe guanti e caschi posti sotto sequestro.

Dalla successiva visione delle immagini di video sorveglianza e telecamere private disseminate lungo un ipotetico percorso di allontanamento, venivano ripresi i due giovani a volto scoperto, le immagini acquisite attraverso sistemi di comparazione con foto segnaletiche di soggetti pregiudicati fornivano un primo riscontro circa la possibile identità dei due esecutori della rapina. I successivi servizi di osservazione e pedinamento posti in essere dai Carabinieri di Saronno hanno consentito di confermare l’identità dei due soggetti, fino alla disposizione della misura cautelare da parte dell’autorità giudiziaria.

Uno dei due già in carcere a Bollate, l’altro andava a trovare il fratello nello stesso carcere 

Il primo dei due soggetti si trovava già detenuto presso il carcere di Bollate mentre il secondo è stato rintracciato, grazie ad un mirato servizio di osservazione, nello stesso istituto di pena intento a fare visita al fratello anch’esso carcerato.

Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare l’eventuale ruolo di complici nella città di Saronno che possano aver dato supporto logistico o indicazioni utili ai due arrestati.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Ospedale San Gerardo Monza

Covid 19 in gravidanza, al San Gerardo di Monza il casco Cpap, evita intubazione

La pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) erogata tramite scafandro è stata applicata con successo a pazienti con Covid-19 per prevenire l’intubazione endotracheale....
microchip

I microchip

Un amico va ad acquistare un tosaerba, cerca un modello preciso e il rivenditore gli dice: “Lei è fortunato, perché di questo modello ne...
Novate capannone alloggi

Novate, un capannone da incubo con laboratori e alloggi | FOTO

A Novate è stato scoperto un capannone da incubo con tanto di laboratori e alloggi. Un ampio capannone con all’interno sia laboratori privi delle più...
Limbiate vaccino

Terza dose di vaccino anti Covid, in Lombardia prenotazione per tutti gli over 60

A partire da domani, 27 ottobre, in Lombardia possono prenotare la terza dose di vaccino anti Covid-19 anche i cittadini over 60 e le...

Vincono le famiglie: nuovi bus dalle scuole di Legnano per Saronno e Uboldo

Ottime notizie per gli utenti della linea Z112 Saronno-Legnano di Air Pullman: sono state attivate nuove corse. Lo ha comunicato l’azienda nei giorni scorsi,...
pompieri anello

Pompieri al Pronto soccorso per rimuovere un anello dal dito

I Vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cittiglio (Va) per affiancare il personale sanitario nella rimozione di un...

Caronno, ecco la nuova squadra del sindaco Marco Giudici

E’ pronta la giunta di Caronno Pertusella: il sindaco Marco Giudici, riconfermato alle ultime elezioni, ha concluso e comunicato la composizione questa mattina. Vice sindaco...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !