HomeSERIE TVMare fuori 2, recensione: una generazione perduta in cerca di riscatto

Mare fuori 2, recensione: una generazione perduta in cerca di riscatto

di Stefano Di Maria

MARE FUORI, serie targata Raidue, è uno di quei prodotti televisivi che meriterebbero una migliore promozione e distribuzione, uscendo dalla nicchia della tv generalista. Se fosse rilasciata dalle piattaforme streaming a pagamento, conquisterebbe senza dubbio quell’attenzione che le manca. Si spera possa servire in tal senso Raiplay, che ha rilasciato anche la seconda stagione appena trasmessa. Certo con questa scelta produttiva, già confermata per la terza stagione, Raidue dimostra coraggio e voglia di puntare su una serialità diversa, alternativa.

Molti hanno accostato MARE FUORI a GOMORRA, ma in realtà percorre strade molto diverse. Da tempo non si vedeva una storia ambientata in un carcere minorile del sud Italia, in uno di quegli istituti che lavorano tanto sulla rieducazione ma sono comunque un covo di violenza, rivalità e angherie fra detenuti minorenni. Un disagio sociale che non sembra per nulla mutato rispetto a 30 anni fa, ai tempi dei famosi film di Marco Risi “Mery per sempre” e “Ragazzi fuori”. Qui c’è l’Istituto di Pena Minorile sull’isola di Nisida a Napoli, situato a picco sul mare. Quel mare che dà il titolo alla serie e rappresenta quella speranza di riscatto che tutti cercano.

Protagonisti sono due giovani che provengono da realtà molto diverse: Carmine vuole affrancarsi dalla famiglia camorrista, Filippo proviene dalla Milano bene. Fra loro è nata una grande amicizia: anche in questo secondo capitolo si aiuteranno a vicenda, a costo di farsi del male pur di proteggersi dai coetanei violenti. Tutt’attorno c’è una girandola di ragazzi e ragazze finiti all’IPM con una propria storia (raccontata attraverso i flashback, anche di poche ore prima dell’arresto): lo show, grazie a una scrittura efficace, con le potenti musiche di Stefano Lentini, punta molto sull’approfondimento psicologico e sulle motivazioni per cui hanno commesso certi sbagli. Emerge così il ritratto di una generazione perduta, segnata dal contesto culturale in cui è cresciuta o dal singolo sfortunato episodio che condizionerà per sempre le loro vite. L’efficacia del racconto, infatti, non sta nel giustificare questi giovani, piuttosto nel messaggio che si può finire nel baratro di un penitenziario per una casualità ma anche per scelta. “Hai preso una decisione e devi assumertene le conseguenze”, ripete più volte la direttrice del carcere Paola Vinci, interpretata da una Carolina Crescentini al suo meglio, affiancata da un altrettanto bravo Carmine Recano (che veste i panni del comandante Massimo Valenti).    

2021, “Mare fuori”

Anche nella seconda stagione, in un crescendo di story-telling e colpi di scena che tengono alta l’attenzione per un’ora a episodio, MARE FUORI indaga l’adolescenza come nessun’altro prodotto televisivo ha fatto, mostrandoci le paure, le fragilità e l’umanità che si nasconde dietro alla rabbia di ragazzi cresciuti troppo in fretta. Il risultato è un racconto corale, che emoziona e commuove grazie a un cast di attori sono sconosciuti al grande pubblico (salvo qualche eccezione). Tutti di grande bravura (da Nicolas Maupas a Massimiliano Caiazzo, a Valentina Romani), riescono a creare empatia con lo spettatore, dal più buono al più cattivo, sotto la sapiente regia di Milena Cocozza e Ivan Silvetrini.

MARE FUORI, disponibile su Raiplay con 12 episodi di un’ora a stagione, è la serie che tutti dovrebbero vedere.

Trovate qui tutte le nostre recensioni: https://www.ilnotiziario.net/wp/serie-tv/


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Covid, i Presidenti di Regione a Roma. Fontana: “Superare il sistema dei colori e...

Proprio nei giorni di elezione del Presidente della Repubblica, i Governatori di Regione, tra cui anche il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, si...
Bollate addio Vito Brotto

Bollate, addio a Vito Brotto, un “grande” che gestì per anni “Il mago di...

Addio a Vito Brotto, un “grande” che gestì per anni “Il mago di Oz” a Novate Milanese. Si è spento improvvisamente a 72 anni un...

Bollate, arrivano i nuovi cestini “green” nei parchi

Sono in tutto 60 i nuovi cestini installati in alcuni dei parchi di Bollate, tutti realizzati in plastica riciclata. Il progetto, voluto dall’Assessorato all’Ambiente, è...

Pensioni, pagamento anticipato, agli ultimi dell’alfabeto servirà Green pass

Pagamento anticipato delle pensioni anche per il mese di febbraio, ma gli ultimi in ordine alfabetico dovranno presentare il Green Pass all’ufficio postale. Come...
Saronno Spaccata

Saronno, ingresso del Municipio sfondato da uno scooter: “Vendetta di un 31enne”

Incappucciato e a tutta birra con lo scooter contro l'ingresso del Muncipio di Saronno. E' stato individuato chi nella notte tra venerdì e sabato...
Polizia locale Limbiate

Senago, auto del Consiglio d’Europa rubata a Saronno e ritrovata dalla Polizia Locale

Un'auto del Consiglio d’Europa, rubata a Saronno, è stata ritrovata dalla Polizia Locale a Senago. La Polizia Locale ha ritrovato nella mattinata di lunedì un’auto...
Bollate Ciro parrucchiere

Bollate, Stefania Orlando fa spogliare Ciro il parrucchiere: è ospite di Guess my age

Ieri sera tantissimi bollatesi guardando la trasmissione di TV8 “Guess My Age” hanno individuato tra i concorrenti uno storico parrucchiere di Bollate, conosciuto da...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !