Il sindaco chiama i cittadini a raccolta: “non portate qui i migranti”

Il sindaco di Lazzate, Loredana Pizzi, “chiama a raccolta” i suoi concittadini per la protesta contro l’invio di profughi in paese.

Dopo la difusione della notizia, nel pomeriggio, della vendita di un immobile ad un’associazione specializzata nell’accoglienza di migranti per conto della prefettura, questa sera il sindaco ha pubblicato un appello nella sua bacheca personale di Facebook per invitare i lazzatesi ad una manifestazione spontanea domani sera in centro.

 

“Carissimi Lazzatesi -scrive il sindaco- avrete sicuramente avuto notizia che starebbero per arrivare a Lazzate dei migranti richiedenti asilo politico. I locali sono già stati venduti ad una associazione culturale… no profit… con scopi sociali e umanitari.  Naturalmente il sindaco non è stato informato di nulla. Il nostro borgo è tranquillo e vogliamo mantenerlo così come è ora. Per questo invito tutti i cittadini domani sera alle 21 in via Volta 14, accanto all’Osteria del Borgo, ra netta contrarietà a che vengano ospitati i migranti proprio in centro nel nostro borgo. Vi aspetto, dobbiamo essere in tanti. L'unione fa la forza!”

 

Già in passato a Lazzate c’erano state manifestazioni di piazza contro l’ipotesi di invio di richiedenti asilo sul territorio comunale.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.