Home BRIANZA Tim porta la fibra in casa in Brianza e Fttc a Cogliate...

Tim porta la fibra in casa in Brianza e Fttc a Cogliate dove non arriva Open Fiber

tim fibra A Cogliate Tim porta la fibra ottica con tecnologia Fttc in tutte le case, anche quelle più lontane, lasciate scoperte da Open Fiber. Intanto annuncia un maxi piano di investimenti che riguarda 46 comuni della Brianza per portare direttamente la fibra in casa con la tecnologia Ftth. 

Sono in corso i questi giorni a Cogliate  i lavori sulle cabine di distribuzione Telecom Italia presenti in paese per attivare il servizio Fttc (fiber to the cabinet) che consentirà di aumentare notevolmente la velocità di connessione anche sul tradizionale cavetto di rame, quello che già oggi entra in tutte le case che hanno un telefono, comprese quelle più lontane che si trovano in periferia e che non sono state raggiunte da Open Fiber nella posa della fibra ottica.

Con questo intervento si alimenta la cabina di distruzione con la fibra ottica a 1 o più Gigabit, in modo che poi possa distribuire il segnale con tecnologia Adsl su rame fino a 100 Mbit o 200 Mbit a seconda delle condizioni di infrastruttura. Considerando poi anche il deterioramento legato alla distanza del modem dalla cabina, si dovrebbe arrivare ad un segnale mai inferiore a 30/40 Mbit minimi anche nelle abitazioni più lontane, garantendo quindi la piena fruizione dei servizi di streaming, per smart working, didattica a distanza e video on demand.

Non è ovviamente la stessa cosa di Ftth (Fiber to the home) col cavetto della fibra fino al modem di casa, che consente di arrivare fino ad 800/900 Mbit ma è certamente un bel salto di qualità per chi oggi è ancora costretto a viaggiare tra i 5 e i 10 Mbit. L’intervento è stato fortemente sollecitato dall’Amministrazione comunale, che ha raccolto le lamentele dei cittadini rimasti esclusi dalla fibra e ha fatto pressione sull’azienda telefonica per avviare i cantieri di potenziamento delle cabine con il collegamento in fibra. “Abbiamo avuto rassicurazione sulla conclusione dei lavori entro il 31 marzo prossimo” -ha aggiunto il sindaco, Andrea Basilico. Gli armadi Telecom già “trattati” si distingueranno per la presenza sopra l’armadio, di una scatola con la copertura rossa.
Una volta completato l’intervento infrastrutturale, sarà poi cura dei venditori del servizio, i vari provider, proporre ai clienti finali la modifica dei contratti in essere per usufruire della maggiorazione di banda.

Intanto nei giorni scorsi Tim ha annunciato l’avvio di un piano per raggiungere  con la fibra ottica in casa 46 comuni della provincia di Monza e Brianza: è il primo progetto redatto sulla base del nuovo Codice europeo per le infrastrutture di telecomunicazione. Nel lungo elenco dei territori su cui verranno realizzati gli interventi, ci sono anche Cesano Maderno,  Lentate sul Seveso,   Limbiate,   Meda, Misinto,  Seveso,   Varedo. 
Il progetto ha l’obiettivo di accelerare la copertura e l’adozione della banda ultralarga ad altissima capacità nel Paese in vista del lancio di FiberCop.
L’iniziativa di Tim si basa sul modello del coinvestimento “aperto” previsto dal nuovo Codice e rappresenta il primo caso di questo tipo in Europa su scala nazionale.
L’offerta di coinvestimento riguarda circa il 75% delle Unità Immobiliari delle aree grigie e nere del Paese e prevede la fornitura di servizi di accesso all’ingrosso alla rete Ftth che potranno essere fruiti dagli operatori con diverse soluzioni tecniche. Il progetto è rivolto a tutti gli operatori del mercato.
Come richiesto dal nuovo Codice europeo, il modello di partecipazione al coinvestimento è basato su una effettiva condivisione del rischio a lungo termine di realizzazione della nuova rete Ftth. Il grado di compartecipazione al rischio sarà deciso, su base non discriminatoria, da ciascun co-investitore a seconda delle proprie caratteristiche e scelte di business. Così come stabilito dal nuovo Codice, l’adesione al progetto potrà avvenire anche negli anni successivi al 2021, a fronte di un corrispettivo determinato in modo da rispecchiare il fatto che i primi investitori accettano rischi maggiori e impegnano i loro capitali prima degli altri. Con questa iniziativa di Tim si ottiene un’ulteriore accelerazione nel percorso verso la banda larga che in questi ultimi mesi ha visto interventi su diversi comuni curati soprattutto da Open Fiber che agisce per conto del Governo per la copertura delle cosiddette “aree bianche”, quelle dove l’investimento non verrà recuperato dalla vendita del servizio.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Annasio coda

Limbiate. in tantissimi per il saluto all’ambasciatore, la moglie: “tradito da qualcuno vicino” |...

  Questa mattina, fin dall'apertura della camera ardente nel  Municipio di Limbiate, alle 10, si è formata una lunga coda di  persone per rendere omaggio...
Rapine Saronno Lodi

Arrestata la banda di rapinatori che seminava il terrore sulla linea Saronno-Lodi | VIDEO

Questa mattina sono stati arrestati 6 giovani tra i 20 e 26 anni accusati di essere i componenti della banda di rapinatori che ha...

Salvati da un canile lager: a Uboldo arrivati 30 cani maltrattati

Una trentina di cani salvati da un canile lager della Campania sono arrivati a Uboldo: sono stati inseriti nel rifugio “Una luce fuori dal...
incendio

Incendio in azienda di lavorazione metalli, maxi intervento dei Vigili del fuoco | VIDEO

Sono proseguite per tutta la notte le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è sviluppato ieri sera alle  21  in  una fabbrica per la...
Covid Lombardia Milano

Covid, Lombardia a rischio zona arancione, tutti gli indicatori sono in aumento

La Lombardia rischia seriamente di tornare in zona arancione. La decisione verrà presa solo nel pomeriggio, ma gli indicatori che sono al vaglio della...
prima pagina notiziario

Limbiate, addio al nostro ambasciatore; Bollate resta rossa, contagi in aumento | ANTEPRIMA

La notizia di apertura di questo numero de Il Notiziario è  dedicata alla tragica morte in un agguato dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio,...

Cislago: aveva occupato da mesi una casa comunale, denunciato un 45enne

Un 45enne marocchino viveva da mesi, in condizioni igienico-sanitarie precarie, in una casa di proprietà del Comune: scoperto, è stato denunciato e allontanato. E' successo...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !