Saronno, 86enne ucciso in casa: arrestato il figlio, ha confessato

IMAG0909  Dopo un lungo interrogatorio nella notte, è crollato ed ha confessato l'omicidio Luca Alberti, 45enne figlio di Angelo Alberti, l'86enne trovato morto intorno alle 20 di martedì sera  nella sua casa di Saronno. L'uomo è stato colpito con 5 o 6 coltellate di cui una fatale all'addome. A chiamare il 118 è stato proprio il figlio della vittima che si trovava a casa con lui, in un appartamento di viale Santuario, proprio di fronte all'edificio Cinquecentesco che è tra i simboli della città. Sul posto sono arrivate due ambulanze ma per l'anziano non c'era più nulla da fare. Dai primissimi accertamenti, l'anziano presentava diverse ferite di arma da taglio. Successivamente  sopraggiunte diverse pattuglie della compagnia di Saronno seguite da quan squadra della scientifica e dal pm di turno. Il figlio, 46enne, che aveva un rapporto burrascoso col padre è stato ascoltato per due ore nell'appartamento e poi portato via per essere interrogato in caserma. Nel corso della notte la confessione: all'origine della tragedia il difficile rapporto tra i due dovuto anche ai problemi di salute dell'anziano che soffriva di morbo di  Alzheimer.  Tutti i dettagli sulla vicenda sul numero in edicola venerdì 28 marzo. 

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.