Con il Fai sboccia la primavera, le meraviglie da scoprire a Cusano e Saronno

Saranno oltre un migliaio i siti storici aperti nella prima giornata di primavera organizzata dal Fai. In questo fine settimana, sabato e domenica, il Fondo Ambiente Italiano e i suoi oltre 50mila volontari saranno presenti in ville e giardini storici per una due giorni all’insegna della storie e dell’arte.

Le Giornate FAI sono diventate un appuntamento ambito, un evento nazionale di grande attrattiva, ma non per questo hanno perduto lo spirito originario: quello di accompagnare gli italiani a scoprire o riscoprire la bellezza che li circonda, che spesso passa inosservata o, peggio, viene dimenticata e deturpata.

A Cusano Milanino ci sarà solo l’imbarazzo della scelta. Si potrà visitare Palazzo Omodei per un tuffo nel XVII secolo, sempre nella città giardino del Nord Milano Villa Bigatti e la torre dell’acquedotto. Inoltre saranno visitabili dal pubblico i giardini di villa Della Rovere, ma anche quello di villa Bottini con il suo secolo di storia e di villa Eigenmann. Infine aprirà i cancelli anche villa Bassetti per una visita al suo giardino in cui ammirare la bellezza della facciata e del salone di ingresso.

A Rovellasca in provincia di Como si potrà optare per villa Crivelli mentre nella vicina Lomazzo sarà visitabile Villa Ceriani, già sede del Municipio. Spalancherà le sue porte l’Illva di Saronno, emblema della città degli amaretti, sarà l’occasione per conoscere la storia dell’azienda presente in oltre 160 paesi del mondo. Queste solo alcuni dei siti storici aperti vicino a noi, ci sarà veramente l’imbarazzo della scelta anche nelle province di Monza e Brianza, Milano, Varese.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.