HomePrima PaginaSaronno, il Covid non ferma la solidarietà: in fila per donare la...

Saronno, il Covid non ferma la solidarietà: in fila per donare la scatola di Natale

Saronno scatole NataleSolidali, nonostante tutto. Nell’anno della pandemia dove sempre più persone in Italia vivono sotto la soglia della povertà, 5 milioni secondo i dati dell’ultimo Rapporto Censis 2020, non si fermano le iniziative di beneficenza.

A Saronno prosegue la campagna, promossa da Casa di Marta, delle “Scatole di Natale per i più bisognosi”: la possibilità di confezionare un pacco dono personalizzato destinato ad adulti o bambini in difficoltà economica. A due settimane dall’avvio dell’iniziativa sono oltre mille le scatole arrivate ai volontari nel punto di raccolta della fondazione, all’Aquilone:

«Cerchiamo di raggiungere il numero più  alto di persone e famiglie possibile – commenta Francesca Volontè, ideatrice della “versione saronnese” del progetto solidale nato a Milano – abbiamo ricevuto tante scatole, nei giorni scorsi molti cittadini, nel rispetto delle misure sanitarie, si sono messi in fila per donare, tanto che nella distribuzione ci siamo spinti anche extra-territorio».

Tra i saronnesi, grandi e piccoli hanno risposto all’iniziativa solidale: «Con i nostro bambini abbiamo preparato delle scatole che porteremo sabato – dice Valentina Finzi, educatrice dell’associazione Mavalà – I genitori ci hanno portato qualcosa nelle loro possibilità e con i più piccoli abbiamo preparato il “biglietto gentile”».

Dalla Mensa di Betania al Banco Alimentare e all’Emporio della Solidarietà della Caritas, la distribuzione delle scatole solidali da parte dei volontari procede mentre sarà possibile donare ancora nelle giornate di venerdì 18 (dalle 14.30 alle 17.30) e sabato 19 (dalle 9 alle 12).

Fino al 22 dicembre invece sarà possibile presentare la domanda online per ricevere i buoni spesa nella campagna promossa dal Comune di Saronno: quest’anno si è scelta la formula del ticket, da 20 euro ciascuno, utilizzabili nei principali punti vendita della città. «Abbiamo ritenuto opportuno optare per questa soluzione perché la riteniamo la più adatta per aiutare le persone a superare questo momento di difficoltà», spiega Ilaria Pagani, Assessore comunale alla Coesione Sociale, «Le conseguenze sul mondo del lavoro dell’emergenza legata al Covid-19 hanno purtroppo portato grandi e inaspettate difficoltà a nuclei familiari che normalmente non avrebbero avuto bisogno dell’aiuto del Comune». Maggiori dettagli sono disponibili sul sito  del Comune di Saronno. 

Claudio Agrelli 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Limbiate vaccino

Terza dose di vaccino anti Covid, in Lombardia prenotazione per tutti gli over 60

A partire da domani, 27 ottobre, in Lombardia possono prenotare la terza dose di vaccino anti Covid-19 anche i cittadini over 60 e le...

Vincono le famiglie: nuovi bus dalle scuole di Legnano per Saronno e Uboldo

Ottime notizie per gli utenti della linea Z112 Saronno-Legnano di Air Pullman: sono state attivate nuove corse. Lo ha comunicato l’azienda nei giorni scorsi,...
pompieri anello

Pompieri al Pronto soccorso per rimuovere un anello dal dito

I Vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cittiglio (Va) per affiancare il personale sanitario nella rimozione di un...

Caronno, ecco la nuova squadra del sindaco Marco Giudici

E’ pronta la giunta di Caronno Pertusella: il sindaco Marco Giudici, riconfermato alle ultime elezioni, ha concluso e comunicato la composizione questa mattina. Vice sindaco...

Scomparso da Cesano Maderno: Chi l’ha visto? sulle tracce di Angelo

Anche Chi l’ha visto? si mobilita per trovare Angelo. Un 56enne di Cesano Maderno (Monza e Brianza) scomparso da domenica 17 ottobre. “Dopo il...

A Uboldo uno dei panettoni più buoni al mondo: medaglia di bronzo al pasticciere...

“Bisogna sapere innovarsi, migliorarsi, restare al passo coi tempi, reinventarsi per proporre novità: altrimenti non vai avanti”. E’ lo stile di vita e lavorativo...
marco penza costa rica

Limbiate, trovato in Costa Rica il corpo di Marco Penza

Il mare del Costa Rica ha restituito il corpo di Marco Penza, il giovane di Limbiate disperso da qualche giorno nel Paese del Centramerica....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !