Home Prima Pagina Saronno, pg chiede condanna a 30 anni di Laura Taroni: "Lucida volontà...

Saronno, pg chiede condanna a 30 anni di Laura Taroni: “Lucida volontà di uccidere”

Laura Taroni con l’ex amante Leonardo Cazzaniga

“Laura Taroni ha dimostrato una lucida volontà di uccidere portata avanti con tenacia”. Lo ha detto questa mattina in aula a Milano il sostituto procuratore generale Nunzia Ciaravolo, nel processo di appello “bis” che vede l’ex infermiera di Saronno imputata per l’omicidio del marito, Massimo Guerra e della madre, Maria Rita. Nel corso della requisitoria in tribunale, il pg ha chiesto la conferma della condanna a 30 anni di carcere per gli omicidi, compiuti tra il giugno 2013 e il gennaio 2014 con la complicità dell’ex amante, il medico Leonardo Cazzaniga, già condannato all’ergastolo nel gennaio di un anno fa per l’omicidio di 12 pazienti.

«Taroni ha fatto in modo di far morire il marito in casa – ha proseguito il pg Ciaravolo – e non al pronto soccorso», per evitare di finire sotto la lente «di una commissione ospedaliera che era stata istituita un paio di mesi prima». Inoltre ha sottolineato che la donna, accusata di avere somministrato farmaci letali a Guerra, ha cercato di apparire una «vittima sacrificale. Ma questa teoria, ovvero che lei abbia cercato di mettere tranquillo il marito che la costringeva a pratiche sessuali, non regge». Ripercorrendo la storia, il pg ha sottolineato come l’imputata «ha dimostrato un uso disinvolto dei farmaci» e una «lucida volontà di uccidere».

Laura Taroni venne condannata in primo grado con rito abbreviato a 30 anni di reclusione confermata in secondo grado nel luglio 2019. Nel settembre 2020 la sentenza di condanna venne annullata e rinviata  a causa di 13 pagine mancanti dalle motivazioni della sentenza d’appello che, secondo l’avvocato Monica Alberti, rappresentavano un elusione integrale del problema delle condizioni psichiche della donna.

La nuova perizia, presentata lo scorso 25 gennaio di fronte alla Corte di Assise d’appello di Milano, aveva dimostrato come l’infermiera 44enne fosse capace di intendere e di volere. Taroni era “affascinata dalla morte, attratta dai farmaci, ma sana di mente, capace cioè di realizzare mentalmente quali potessero essere gli aspetti di disvalore relativi all’omicidio del marito e della madre” si legge nella relazione curata dallo psichiatra e professore di psicologia presso l’Università di Torino Franco Freilone. Terminata la requisitoria del pg, si attende ora la discussione tra le parti e la sentenza.

Claudio Agrelli

 

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Lazzate Henkel

Crisi Henkel, con la chiusura di Lomazzo a rischio anche il maxi magazzino di...

Non solo la chiusura confermata dello stabilimento Henkel  di Lomazzo, ma anche l'ipotesi di un forte ridimensionamento del nuovissimo magazzino di Lazzate.  Pessime notizie...
Covid Lombardia Milano

Lombardia in arancione rafforzata da mezzanotte, scuole chiuse, aree gioco vietate

Dalla mezzanotte di oggi e fino al 14 marzo tutta la Lombardia sarà in zona arancione rinforzata (scuole chiuse, solo i nidi aperti). Il presidente...

Saronno, le ritirano per sbaglio la patente nuova: “Ho guidato un anno senza saperlo”

Da circa un anno circolava con la patente scaduta senza saperlo: non perché non l’avesse rinnovata, ma perché la polizia locale di Saronno le...
carabinieri

Cusano, lite per l’eredità, lo zio accoltella due nipoti

Ieri mattina  a Cusano Milanino, i carabinieri della locale stazione  sono intervenuti in via Mazzini per un'accesa lite famigliare al culmine della quale lo...

Paderno Dugnano, al via le vaccinazioni anti-Covid al Centro Anziani di Calderara

Nella mattinata di ieri, 3 marzo, sono iniziate a Paderno Dugnano le vaccinazioni anti-Covid per i cittadini over 80 presso il Centro Anziani di...
solidarietà stipendio

La solidarietà con lo stipendio garantito

A volte forse dovrei mordermi la lingua, o meglio, la penna, ma proprio non ci riesco… Noi italiani siamo un popolo che ha la...
rissa mannaia

Rissa con mannaia e mazza da baseball in centro a Desio

Una rissa tra ragazzi in pieno centro con l'uso anche di una mazza da baseball e di una mannaia usata per minacciare i rivali:...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !