HomePrima PaginaSaronno, pg chiede condanna a 30 anni di Laura Taroni: "Lucida volontà...

Saronno, pg chiede condanna a 30 anni di Laura Taroni: “Lucida volontà di uccidere”

Laura Taroni con l’ex amante Leonardo Cazzaniga

“Laura Taroni ha dimostrato una lucida volontà di uccidere portata avanti con tenacia”. Lo ha detto questa mattina in aula a Milano il sostituto procuratore generale Nunzia Ciaravolo, nel processo di appello “bis” che vede l’ex infermiera di Saronno imputata per l’omicidio del marito, Massimo Guerra e della madre, Maria Rita. Nel corso della requisitoria in tribunale, il pg ha chiesto la conferma della condanna a 30 anni di carcere per gli omicidi, compiuti tra il giugno 2013 e il gennaio 2014 con la complicità dell’ex amante, il medico Leonardo Cazzaniga, già condannato all’ergastolo nel gennaio di un anno fa per l’omicidio di 12 pazienti.

«Taroni ha fatto in modo di far morire il marito in casa – ha proseguito il pg Ciaravolo – e non al pronto soccorso», per evitare di finire sotto la lente «di una commissione ospedaliera che era stata istituita un paio di mesi prima». Inoltre ha sottolineato che la donna, accusata di avere somministrato farmaci letali a Guerra, ha cercato di apparire una «vittima sacrificale. Ma questa teoria, ovvero che lei abbia cercato di mettere tranquillo il marito che la costringeva a pratiche sessuali, non regge». Ripercorrendo la storia, il pg ha sottolineato come l’imputata «ha dimostrato un uso disinvolto dei farmaci» e una «lucida volontà di uccidere».

Laura Taroni venne condannata in primo grado con rito abbreviato a 30 anni di reclusione confermata in secondo grado nel luglio 2019. Nel settembre 2020 la sentenza di condanna venne annullata e rinviata  a causa di 13 pagine mancanti dalle motivazioni della sentenza d’appello che, secondo l’avvocato Monica Alberti, rappresentavano un elusione integrale del problema delle condizioni psichiche della donna.

La nuova perizia, presentata lo scorso 25 gennaio di fronte alla Corte di Assise d’appello di Milano, aveva dimostrato come l’infermiera 44enne fosse capace di intendere e di volere. Taroni era “affascinata dalla morte, attratta dai farmaci, ma sana di mente, capace cioè di realizzare mentalmente quali potessero essere gli aspetti di disvalore relativi all’omicidio del marito e della madre” si legge nella relazione curata dallo psichiatra e professore di psicologia presso l’Università di Torino Franco Freilone. Terminata la requisitoria del pg, si attende ora la discussione tra le parti e la sentenza.

Claudio Agrelli

 

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Senago, è morto Vincenzo: il 19enne travolto dal pirata della strada di Paderno

Non ce l’ha fatta Vincenzo Monti, il 19enne di Senago travolto da un pirata della strada di Paderno Dugnano nella notte tra sabato 17...

Tokyo 2020, Giorgia Bordignon di Gallarate medaglia d’argento nel sollevamento pesi 64kg

Duecentotrentadue. Tanti sono i kili alzati in totale dall'azzurra Giorgia Bordignon che ha così conquistato la medaglia d'argento nel sollevamento pesi categoria 64kg ai...

Bollate, partono i controlli serali della Polizia Locale nei fine settimana

Due pattuglie della Polizia Locale nelle vie di Bollate fino a tarda notte durante tutti i fine settimana estivi. È questa l’iniziativa dell’Amministrazione comunale...
Simone Mattarelli mistero

Trovato morto ad Origgio dopo l’inseguimento: udienza a novembre sul caso Mattarelli

Il prossimo 23 novembre il Gip del Tribunale di Busto Arsizio dovrà affrontare l’opposizione alla richiesta di archiviazione del fascicolo sulla morte di Simone...

Paderno: 30enne si butta dal balcone dopo la separazione, padre colto da malore

Si è buttato dal balcone al terzo piano da un condominio di via Armostrong nel quartiere di Calderara a Paderno Dugnano. Nonostante il volo di...
coda bollate villa arconati

Bollate semi-paralizzata per i lavori a Senago

Situazione di grave caos del traffico tra Bollate e Senago come effetto del primo giorno di chiusura della via De Gasperi di Senago. Ci...
Senago Droga

In casa 11 chili di hascisc: arrestato un 26enne di Origgio

Quando alla sua porta si sono presentati i poliziotti di Varese, uno spacciatore 26enne è rimasto sconcertato: mai avrebbe immaginato che fosse stato tenuto...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !