HomeNORD MILANOPaderno, discoteche a rischio chiusura: "Green pass inutile senza il vaccino ai...

Paderno, discoteche a rischio chiusura: “Green pass inutile senza il vaccino ai giovani”

Discoteca Lipstick a Paderno Dugnano

C’è chi lo chiama “modello Barcellona” e chi “modello Liverpool”, di certo gli esperimenti condotti nelle settimane scorse in Spagna e nel Regno Unito guidano la ripartenza delle discoteche anche in Italia. Il 5 giugno al Praja di Gallipoli (Lecce) 2000 persone, munite di green pass, sono pronte a scendere in pista nella prima serata organizzata in un locale notturno dopo 15 mesi di chiusura. Dalla Puglia alla Lombardia, la seconda “serata test” proposta da Silb-Fipe, l’Associazione italiana imprese ed intrattenimento, si terrà al Fabrique, discoteca al chiuso nella zona est di Milano. In entrambe le serate i partecipanti saranno testati all’uscita con un tampone rapido. Le prove generali arrivano all’inizio della stagione estiva, la seconda in tempo di pandemia Covid, che quest’anno potrà contare sul certificato verde nazionale, un dispositivo che consente a vaccinati, guariti dal virus o negativi al test nelle 48 ore precedenti di circolare liberamente.

Il “trenino” delle serate test in discoteca stenta però a partire in provincia con i proprietari divisi tra chi giudica l’esperimento come un “segnale incoraggiante” per la ripartenza e chi lo vede come un’operazione di marketing che avvantaggia solo i grandi locali della movida. «L’iniziativa non va nella direzione giusta perché agevola solo le grosse discoteche che hanno un’affluenza di 3mila persone e quindi possono supportare tutti i costi di gestione. – denuncia Vincenzo Coccoglioniti proprietario de “Le Cantine” di Paderno Dugnano – Le discoteche piccole, da 300 a 500 posti, fanno fatica a compensare i costi dei test rapidi all’uscita. Di fronte ad un evento normale pochi giovani sono disposti a pagare 30 euro di tampone entro le 48 ore prima».

Plaude all’iniziativa invece Luca Valenzisi ex manager della discoteca Dolcebeach ad Origgio oggi al Club Modà di Erba: «Sono d’accordo sui test pilota perché dove è stato fatto come a Liverpool è andato tutto bene, non ci sono stati aumenti di contagi. Inoltre questo servirà ad aumentare il consenso dell’opinione pubblica sulle discoteche che spesso sono viste come un capro espiatorio in tempo di Covid».

Le perplessità investono anche la modalità d’uso del green pass perché – dicono i gestori – i soggetti già vaccinati sono gli anziani e i fragili che di norma non vanno in discoteca. Per questo i proprietari si dicono d’accordo sulla possibilità di rendere le sale da ballo centri per la vaccinazione anti Covid in particolare per i più giovani. «Al commissario Figliuolo offriamo la nostra disponibilità a organizzare open day per i vaccini anche nelle discoteche in vista di eventi estivi – dice il presidente dell’associazione intrattenimento Silb-Fipe, Maurizio Pasca – Serviranno gazebo e spazi esterni ma se il governo lo ritenesse opportuno ne potremmo discutere».

La vita notturna è tra i settori più duramente colpiti dalla crisi pandemica e da 8 mesi di coprifuoco alle 22. «Di questo passo almeno metà delle discoteche spariranno dalla circolazione. – il grido d’allarme di Pasca – Nella migliore delle ipotesi diventeranno parcheggi, mobilifici, show-room, centri commerciali. Nella peggiore diventeranno facile preda della malavita».

A Paderno Dugnano rischia la chiusura il Lipstick, discoteca al chiuso: «Siamo fermi da 15 mesi e lo resteremo fino all’apertura della stagione invernale sempre che lo sfratto non ci demolisca prima. – lamenta il gestore – La proprietaria dello stabile chiede l’affitto anche se non lavoriamo e continuiamo a pagare le utenze fisse, 15 mila euro solo da febbraio 2020. Il Lipstick ha 400 posti, la cosa migliore che si potrebbe fare è limitare gli ingressi della metà garantendo la distanza di un metro e mezzo». In attesa degli esperimenti in discoteca ad inizio giugno clienti e proprietari sperano nel ritorno della “febbre del sabato sera”, sintomo concreto di ritorno alla normalità.

Claudio Agrelli


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Amazon, a Origgio sciopera il comparto sicurezza: “Trattati come lavoratori di serie B”

Un altro sciopero al centro logistico di Amazon. Da questa mattina alle 6 a incrociare le braccia sono i lavoratori della sicurezza e della...

Paderno, incidente in Milano-Meda: motociclista ricoverato in codice giallo

Un terribile incidente tra un'auto e una moto è avvenuto oggi, martedì 22 giugno, intorno alle 11.25 in Milano-Meda, all'altezza del Carrefour di Paderno...
saronno cantiere

Saronno, incidente nel cantiere in centro, operaio in codice giallo a Legnano

Infortunio sul lavoro in un cantiere edile questa mattina in pieno centro a Saronno. L’allarme è scattato poco prima delle 10 in via Mazzini. Un...
yoga caronno

Caronno, yoga day nel segno del verde: piantati alberi da frutto donati al comune...

“Namasté”. Con il tradizionale saluto si è celebrato oggi, solstizio d’estate, l’International yoga day: istituita nel 2014 dall’Assemblea delle Nazioni Unite, la giornata rende...
senago incidente

Senago, auto finisce contro il muro di una casa: grave 21enne alla guida |FOTO

    Terribile incidente  nel centro di Senago, una macchina è finita contro la recinzione di una casa. Il ragazzo di 21 anni alla guida, ha...

Codice errato, impossibile pagare la Tari: disagi e proteste a Origgio

Disagi sui pagamenti della rata unica della Tari: per un errore del software di Saronno Servizi, le bollette sono pervenute alle famiglie – a...

Cesano Maderno, investe una donna e fugge: denunciata 20enne positiva all’alcoltest

Nella serata di ieri, domenica 20 giugno, una donna, mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali, è stata investita a da un pirata...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !