HomeCRONACA -Furti sulla metro e bimbi usati per evitare il carcere, 8 arrestati...

Furti sulla metro e bimbi usati per evitare il carcere, 8 arrestati | VIDEO

La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha arrestato 8 cittadini di origine bosniaca per il reato di associazione per delinquere finalizzata in particolare ai furti con destrezza all’interno delle metropolitane.

Grazie alla collaborazione internazionale delle Forze di polizia, una ricercata è stata arrestata all’aeroporto di Lisbona in partenza per Londra ed un’altra è stata arrestata nella città di Barcellona dove l’associazione aveva ville di proprietà.

L’indagine trae origine da una denuncia per estorsione presentata da una giovane di origini bosniache, nei confronti di altri connazionali che la costringevano a delinquere per loro.

Chiedevano infatti una somma di denaro in cambio dell’autorizzazione a vivere e rubare nella città di Milano, dopo essersi “formata” nel settore specializzato dei furti presso le metropolitane di Roma sotto la protezione del suo capo, O.M.

Dalle intercettazioni è emerso che il capo O.M. e i suoi familiari, tra cui il figlio O.S, minorenne all’epoca dei fatti, i nipoti O.A e O.R, le mogli e le compagne di costoro, avevano costituito una associazione finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di furti, posti in essere nei centri urbani di Milano, Venezia e Genova.

I furti consumati con destrezza venivano posti in essere in danno di turisti, prevalentemente stranieri, ritenuti meno attenti e con maggiore disponibilità di denaro contante.

L’associazione, costituita dal capo, era fondata su un vincolo familiare corrente tra i consociati, tutti dimoranti agli stessi domicili, tra cui uno in via Famagosta a Milano, e in possesso di veicoli comuni per gli spostamenti necessari per la realizzazione dei reati.

Talvolta la sistemazione avveniva in alberghi o abitazioni gestite da persone compiacenti.

A dimostrazione di un sistema ben collaudato e fondato sulla buona conoscenza del sistema penale italiano (con riferimento alla tutela delle donne incinte e madri di prole in tenera età) è stato accertato il ricorso a baby sitter.

 

Queste, oltre ad occuparsi sin dalla nascita della gestione dei figli minori dei sodali, all’occorrenza avevano il compito di condurre immediatamente il neonato da un’altra donna rom, che a sua volta doveva portare il bambino nell’ufficio di polizia in cui si trovava la madre arrestata, così da ottenere un differimento di pena o la denuncia in stato di libertà in alternativa all’arresto in flagranza.

Il tutto sotto la regia degli uomini.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

cani anti covid

I cani anti-Covid dei carabinieri addestrati con i pazienti del Sacco di Milano |...

Nella primavera 2021 l’Università degli Studi di Milano e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione per l’impiego di cani del Centro...
droga saronno cesate

Droga: donna di Saronno a capo della banda tradita dal socio, 5 arresti tra...

Una donna di Saronno è ritenuta a capo della banda arrestata in queste ore dai carabinieri della Compagnia di Desio per traffico di stupefacenti....

Saronno, obbligo di mascherina all’aperto ma solo in certe vie e in certi orari

Anche a Saronno scatta l’obbligo di mascherina all’aperto in centro, ma solo nei fine settimana e nei giorni festivi. Lo prevede l’ordinanza emessa mercoledì...

Caronno, alloggi protetti per anziani nell’ex Casa Borsani

Alloggi protetti e assistenziali nel futuro di anziani. E’ quanto prevede il progetto che sta maturando a Caronno Pertusella dopo che è stata riscontrata...
Gabriel Papa

Solaro, la scultura della speranza, artista consegna la sua opera al Papa

Da Solaro in Vaticano per consegnare a Papa Francesco l'opera ispirata dal messaggio urbi et orbi del Pontefice per il Covid. Quell’immagine forte di...
treno neve

Trenord, guasto elettrico a Novate Milanese: ritardi fino a 40 minuti

Un guasto alla linea elettrica nella stazione di Novate Milanese sta causando ritardi fino a 40 minuti, con conseguente variazioni di percorso e cancellazioni...
ladro notte

Origgio: suona l’allarme del vicino, insegue il ladro

Ha sentito dei rumori sospetti, poi l’allarme del vicino, si è affacciato e, quando ha visto un ladro, non ha esitato a inseguirlo. Protagonista...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !