Home CRONACA - Coronavirus in Lombardia: bar chiusi, ristoranti aperti come i centri commerciali

Coronavirus in Lombardia: bar chiusi, ristoranti aperti come i centri commerciali

Mercato
Foto di Martin Winkler da Pixabay

Regione Lombardia ha messo a punto un documento per cercare di rispondere alle principali domande che vengono poste in queste ultime ore in seguito alla pubblicazione dell’Ordinanza del Ministero della Salute di intesa con il Presidente di Regione Lombardia del 23 febbraio 2020.

ECCO IL TESTO: 

L’ordinanza che regola le prescrizioni per il contenimento del Coronovirus nelle aree regionali classificate come ‘gialle’ (ovvero per tutto il territorio regionale eccetto la zona cosiddetta rossa) si pone l’obiettivo di trovare un equilibrio fra l’esigenza di mantenere attivi i servizi di pubblica utilità, garantendo al contempo le condizioni di sicurezza per i cittadini e degli operatori.

Ogni amministrazione quindi, nella propria autonomia, deve valutare:
– la differibilità dei servizi offerti;
– le situazioni di contesto specifiche che permettano di mantenere le condizioni di sicurezza previste dal Decreto Legge n. 6 del 23.02.2020.

I COMUNI E GLI UFFICI PUBBLICI SONO APERTI?
Le istituzioni (Comuni, Catasto, Inps, Inail, CAF, Poste, Camere di Commercio… etc) e i relativi uffici sono aperti al pubblico rispettando le norme di igiene adottate dal Ministero della Salute 

COME SI DEVONO COMPORTARE I COMUNI RISPETTO AI MERCATI RIONALI ALL’APERTO?

Per i mercati rionali e comunali all’aperto sono previste le restrizioni indicate per i centri commerciali. Pertanto, i mercati comunali sono aperti dal lunedì al venerdì. Restano chiusi il sabato e la domenica ad eccezione dei commercianti che esercitano la vendita di generi alimentari. Il sindaco consapevole che ci possono essere casi in cui si favoriscono assembramenti a rischio, può valutare ulteriori restrizioni a livello territoriale.

MANIFESTAZIONI FIERISTICHE, SAGRE E FIERE POSSONO ESSERE REGOLARMENTE SVOLTE?
Per le manifestazioni fieristiche, le sagre e le fiere ed ogni evento che preveda assembramento di persone si dispone la chiusura.

I CONSIGLI E LE GIUNTE COMUNALI POSSONO SVOLGERSI REGOLARMENTE?
Si, si possono svolgere Giunte e Consigli Comunali (questi ultimi purché a porte chiuse) favorendo canaii di comunicazione differiti quali ad esempio le dirette streaming. E’ comunque fatta salva la facoltà del sindaco di disporre diversamente.

CHE RESTRIZIONI DEVONO ADOTTARE GLI ESERCIZI COMMERCIALI CHE SVOLGONO PIU’ TIPOLOGIE DI ATTIVITA’ NELLA STESSA SEDE?
I gestori di esercizi commerciali che prevedono al proprio interno più attività (ad esempio hotel con bar, ristorante con bar, locali da ballo con ristorante etc…) devono seguire le regole previste per le singole attività commerciali ovvero, bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi tutti i giorni dalla ore 18 alle ore 6. E’ fatta eccezione per i bar all’interno di hotel che restano comunque aperti per garantire il servizio ai soli ospiti della struttura. Altresì i bar dei ristoranti restano attivi per il solo servizio di supporto alla ristorazione.
In linea generale si invitano i gestori delle attività commerciali a mettere in atto tutte le misure necessarie per evitare nei propri locali gli assembramenti a rischio.

CI SONO DELLE RESTRIZIONI PER I RISTORANTI?
Per lo svolgimento delle attività dei ristoranti non sono previste restrizioni fino ad eventuali nuove disposizioni. I gestori sono comunque invitati a mettere in atto tutte le misure necessarie per evitare nei propri locali gli assembramenti a rischio.
Ulteriori restrizioni possono essere valutate dai singoli sindaci per quei mercati che possono favorire elevate concentrazioni o assembramenti di persone.

LE CASE DI RIPOSO RESTANO APERTE A VISITE DI PARENTI STRETTI?
Si, le case di riposo restano aperte. I parenti dei pazienti ricoverati attenersi alla regola di accesso alla struttura in numero non superiore ad 1 visitatore per paziente. Tale accesso è consentito unicamente nella fascia oraria del pranzo e della cena per i parenti di pazienti ricoverati.

IL SINDACO PUO’ CHIUDERE IL PRONTO SOCCORSO DEI PRESIDI TERRITORIALI?
L’autorità preposta alla gestione dei Pronto Soccorso territoriali è l’Assessorato al Welfare di Regione Lombardia.

COSA E’ PREVISTO PER LE ATTIVITA’ LUDICO-SPORTIVE?
Tutti gli eventi e le riunioni e le attività ludico sportive in base all’ordinanza lettera C “la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico” sono da ritenersi sospese (si intendono fra questi anche palestre, centri sportive, piscine e centri natatori, centri benessere, i centri termali, campi di allenamento). Si conferma inoltre che le attività di centri culturali, centri sociali, circoli ricreativi, restano chiuse.

COSA E’ PREVISTO PER LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE?
Per le cerimonie religiose, i matrimoni civili, le unioni civili non rinviabili è previsto lo svolgimento in forma privata e con un numero di invitati limitato o con la presenza di parenti stretti.
Per quanto riguarda le cerimonie funebri devono svolgersi in forma privata e con un numero di invitati limitato o con la presenza di parenti stretti.

LE SCUOLE SI INTENDONO CHIUSE ANCHE PER IL PERSONALE AMMINISTRATIVO E TECNICO?
Si.

QUALI SONO GLI ISTITUTI E I LUOGHI DELLA CULTURA DI CUI ALL’ART.101 DEL CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO?
All’interno di questa categoria sono ricompresi anche i musei, le biblioteche, gli archivi, le aree e i parchi archeologici, i complessi monumentali. Sono inoltre compresi i parchi divertimento.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Coronavirus, a Caronno sesto morto e i contagiati sono 48

A Caronno Pertusella, purtroppo, è stata la giornata del sesto morto da Coronavirus: è deceduto un altro anziano, un uomo di 81 anni. Un...

Da Uboldo un video: “Ecco la vita da camionista al tempo del Coronavirus”

“Oggi vi porto al lavoro con me”. Esordisce così il video di un camionista uboldese, Francesco Daniello, che ha voluto documentare “come lavoriamo al...

Coronavirus a Paderno Dugnano: contagi a tre cifre. 101 positivi, 10 morti

Contagi da coronavirus a tre cifre anche a Paderno Dugnano, dopo Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e Cologno Monzese. Salgono a 101 i casi...
Filippo trapianto

Filippo, 80 giorni dopo il trapianto a Brescia: qui ambulanze ed elicotteri per il...

Filippo è il bimbo di Cusano Milanino che all’inizio di gennaio è stato sottoposto finalmente a trapianto di midollo osseo per superare la gravissima...

Uboldo, l’artista Vendramin (già vincitore di Italia’s Got Talent) ospite di Licia Colò

Nuova partecipazione televisiva dell’ormai famoso artista uboldese Fabrizio Vendramin, vincitore della prima edizione di “Italia’s Got Talent”: è stato ospite del programma di Licia...

Coronavirus, anche a Saronno il drone per controllare gli spostamenti

Il monitoraggio degli spostamenti di vetture o pedoni, a Saronno, sarà effettuato anche con l’utilizzo di alcuni droni, che saranno inviati in diversi punti...
maschera decathlon

Coronavirus, Protezione civile raccoglie maschere Decathlon da trasformare in respiratori

La Protezione civile sta organizzando la raccolta a domicilio delle maschere da snorkeling modello Decathlon che possono essere trasformate in respiratori per i pazienti...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !