Caccia al cinghiale: da oggi in Lombardia è aperta tutto l’anno

Il consiglio regionale della Lombardia ha approvato martedì una mozione che da il via libera a nuove misure di contrasto alla fauna invasiva e nociva.

La mozione è stata presentata da Barbara Mazzali (Fratelli d’Italia).
Nello specifico, il documento chiede alla giunta di attivarsi per consentire un cambiamento nelle tecniche di caccia.

L’obiettivo è rendere la caccia più efficace e permettere la caccia al cinghiale tutto l’anno.
Inoltre vuole facilitare l’accesso alle informazioni sui potenziali effetti negativi delle interazioni tra le persone e le specie ungulate, come cervi.

La mozione chiede alla giunta anche di adoperarsi nelle sedi opportune per favorire la modifica della normativa vigente.

In questo modo l’indennizzo previsto per i soggetti che hanno subito danni non sarà visto solo come “ristoro” ma anche come strumento di gestione territoriale e riequilibrio dei contrasti tra mondo agricolo e enti gestionali.

La proposta chiede poi di affrontare il “problema nutria”.

La Regione corrisponderà indennizzi per ogni capo, con la possibilità di abbattere gli animali anche nelle Zone di Protezione speciale della Rete Natura 2000 ma anche le altre specie invasive ittiofaghe come il cormorano.

Via libera infine anche a un emendamento integrativo presentato da Federica Epis (Lega), che chiede di proseguire nello sviluppo di azioni di contrasto a specie ittiche nocive come il siluro e il carassio.