Home EDITORIALI L’impero Riva demolito… per sbaglio

L’impero Riva demolito… per sbaglio

Riva AcciaioLa famiglia Riva fino a pochi anni fa possedeva uno dei più grossi gruppi industriali nel campo dell’acciaio. Un piccolo impero nato nel 1957 a Caronno Pertusella e cresciuto fino a diventare il primo d’Europa, un gruppo che aveva fatto acquisizioni perfino in Germania e che nel 1995 acquisì l’Ilva di Taranto.

Quel gruppo, forse divenuto troppo potente, è stato distrutto: nel 2012 la magistratura sequestrò ai Riva l’Ilva, Emilio e i figli Nicola e Fabio vennero arrestati con l’accusa di danno ambientale e inquinamento e dovettero pagare più di un miliardo di euro (un miliardo!) per risanamenti ambientali, oltre al miliardo che avevano già speso.

Adesso, grazie a un articolo di Sandro Iacometti su “Libero”, abbiamo appreso le motivazioni della sentenza dello scorso luglio con cui Fabio Riva è stato assolto dall’accusa di bancarotta. Secondo il Gup Lidia Castellucci non c’è stata omissione sulle tutele ambientali e la gestione dei Riva nella vicenda Ilva è stata corretta.

E’ pazzesco, perchè quel sequestro e quegli arresti hanno provocato il declino di un colosso dell’imprenditoria italiana, l’Ilva è stata svenduta a un gruppo straniero che sicuramente, secondo noi, ha agito peggio dei Riva, e in questi anni si sono persi 23 miliardi di Pil nazionale.

“Tanto rumore per nulla”, scriveva Shakespeare, qui invece si è fatto tanto rumore per distruggere un colosso, per fare un danno immenso all’Italia, per poi scoprire che forse ci si era sbagliati! Se fossimo in un Paese serio, si andrebbe a fondo della questione, invece, alla fine, pagheremo noi il buco procurato, con le nostre tasse. E tutti zitti.

Piero Uboldi

 

NON PERDERE NEANCHE UNA NOTIZIA DAL NOSTRO SITO, iscriviti al canale Telegram de “il notiziario” CLICCA QUI

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

industria fumo

Gli odori e i ricordi

Qualche anno fa sono andato a visitare Kaliningrad, discutibile città della Russia baltica. Sono arrivato in aeroporto e ho preso un taxi che mi...

Coronavirus, Elisa De Panicis (l’influencer di Solaro): “Il Sud ha vinto sul Nord”

L'influencer di Solaro Elisa De Panicis torna al centro della polemica, questa volta per una sua uscita poco felice su Instagram a proposito del...
Mentana Saronno

Coronavirus: l’ordinanza (dei 1.200 morti) a Saronno vista da Enrico Mentana

L’ordinanza “catastrofista” del sindaco di Saronno, Alessandro Fagioli, è stata citata anche sulla pagina Facebook di Enrico Mentana, direttore del Tg La7, fondatore di...

Coronavirus, la truffa del tampone a Solaro su La7: “Ho visto i truffatori”

Il caso della truffa dei falsi tamponi per il coronavirus finisce a La7 a L'aria che tira, dopo il nostro primo articolo (clicca qui...
bar cameriere

Coronavirus, i bar possono restare aperti dopo le 18 con servizio al tavolo

I bar della Lombardia  possono restare aperti da questa sera anche dopo le 18 purché servano ai clienti da bere al tavolo e non...

prima pagina notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
 

SCEGLI L’ABBONAMENTO !