Home Prima Pagina Saronno, arrestata dirigente dell'ospedale, rubava dispositivi per terapia intensiva

Saronno, arrestata dirigente dell’ospedale, rubava dispositivi per terapia intensiva

ospedale saronno

AGGIORNAMENTO: Le prime intercettazioni con il profilo dei due arrestati 

I carabinieri del nucleo investigativo di Varese e la Guardia di Finanza di Saronno hanno arrestato questa mattina è dirigente dell’area logistica e dei presidi medici della  farmacia ospedaliera dell’ospedale di Saronno e il titolare di un’azienda di presidi medici.

La dottoressa 59enne responsabile della farmacia dell’ospedale è accusata di avere sottratto i dispositivi per intubare pazienti in rianimazione rifornire il titolare della ditta specializzata, 49enne di Barlassina, che li rivendeva.

Tutto questo avveniva anche durante l’emergenza coronavirus, quando l’ospedale di Saronno è stato trasformato in un ospedale Covid, con la presenza di pazienti intubati e in terapia intensiva provenienti da diverse province della Lombardia.

L’indagine, attiva da diverse settimane, si è conclusa questa mattina, quando gli uomini dell’Arma e delle Fiamme gialle hanno eseguito gli arresti dei due soggetti.

Tutto è partito dalla segnalazione dell’Asst Valle Olona, di cui fa parte l’ospedale di Saronno, che aveva notato una serie di ordinativi anomali partiti dalla farmacia ospedaliera di Saronno.

A quel punto le forze dell’ordine hanno messo in campo diversi strumenti investigativi che hanno portato alla conferma che la dottoressa acquistava presidi medici facendoli apparire come ordini effettuati nell’interesse e per conto dell’ospedale. Addebitandone quindi i costi all’ente pubblico.

QUI IL VIDEO CHE DOCUMENTA L’ATTIVITA’ ILLECITA 

Il materiale acquistato in eccesso, in particolare lame e batterie per laringoscopio, veniva poi consegnato in cartoni anonimi all’imprenditore complice della dottoressa, il quale poi lo rivendeva ad altri clienti con regolare fattura, reimmettendoli quindi in modo “legale” sul mercato.

Il Gip ha deciso l’arresto per la spregiudicatezza dei due arrestati 

Ad entrambi è contestato il reato di peculato in concorso. L’uomo dovrà rispondere anche di autoriciclaggio. Il gip ha deciso di mandare dietro le sbarre i due non solo in considerazione nel perseverare delle condotte criminose durante il periodo dell’emergenza sanitaria, ma anche della spregiudicatezza degli arrestati.

Da quanto accertato dagli inquirenti, sembrerebbe infatti che lame e batterie per laringoscopio non venissero deliberatamente consegnate ai reparti di anestesia e rianimazione che ne avevano necessità, per essere invece restituite al titolare dell’azienda fornitrice che le rivendeva procurandosi indebiti profitti da spartire con la complice.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Polizia Arresto

Trafficante di essere umani si nascondeva a Uboldo, tradito dal contratto d’affitto

Un albanese di 34 anni, residente a Uboldo, è stato arrestato per traffico di esseri umani. Inseguito da un mandato di arresto europeo, emesso...

Tragedia a Cislago, muore d’infarto a soli 18 anni

Addio ad Alessandro Zorzan, morto a 18 anni per un arresto cardiaco. Un destino davvero crudele quello che se l’è portato via nel maneggio...

Limbiate, incendio nell’ex manicomio di Mombello

Incendio ieri pomeriggio a Limbiate, nel complesso dell'ex ospedale psichiatrico Antonini di Mombello. Le fiamme, divampate nel retro dello stabile, hanno avvolto tutto e ad...

Il commosso addio a Stefano, indimenticabile collaboratore di Gs Robur e Club Tennis Ceriano

Una mattina come tante ieri alla Robur, Michele il barista apre la sede e attende Vincenzo Girimonte e Stefano Caporali, i “ragazzi della manutenzione”...

Brugherio, svolta nel caso dell’anziana strangolata

Svolta nelle indagini per l’anziana donna deceduta nella nottata del 7 agosto nell’ospedale di Vimercate. Nel pomeriggio odierno i Carabinieri della Stazione di Brugherio hanno...
Limbiate incendio tram

Varedo, incendio al deposito dei tram della Milano-Limbiate

Questo pomeriggio verso le 16 all'interno del deposito dei tram ATM di Varedo, a pochi passi da Limbiate, c'è stato un principio di incendio. ...

Truffa dello specchietto, colpo fallito a Uboldo

I malviventi che tentano la “truffa dello specchietto” insistono, anche se ormai questo raggiro è ben noto e pochi ci cascano. Infatti hanno fallito...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !