HomePrima PaginaCovid, le Regioni al Governo: regole più leggere per gli asintomatici

Covid, le Regioni al Governo: regole più leggere per gli asintomatici

Bollate coda farmacia

L’aumento dei contagi a causa di Omicron, le grandi difficoltà nel tracciamento dei casi, le Asl che sembrano non avere più in mano il controllo della situazione e le farmacie prese d’assalto alla ricerca dei tamponi. Il 2022 non è certo iniziato nel migliore dei modi ed è in questo contesto che le Regioni vogliono chiedere al governo la modifica di alcune misure. L’obiettivo dichiarato è quello di semplificare il percorso di chi è positivo al Covid ma è asintomatico, così da allentare la pressione che grava sul comparto sanità.

Oggi, le persone che hanno contratto il Covid ma che non mostrano sintomi sono circa il 70%, di gran lunga la maggioranza. Per questo le Regioni chiedono di non considerarli più all’interno dei conteggi giornalieri. Si tratta quindi di rivedere la definizione di caso Covid, distinguere cioè tra chi sviluppa la malattia e chi no. Questo comporterebbe anche una rivisitazione delle quarantene: ad essere preso come modello sono gli Stati Uniti, dove un positivo asintomatico che ha fatto le tre dosi di vaccino è libero di uscire di casa dopo 7 giorni.

Stando sempre alle richieste mosse dalle Regioni, anche quei pazienti che vengono ricoverati in ospedale per un’altra patologia e che scoprono grazie ai controlli dei reparti di essere positivi non dovrebbero essere conteggiati nei bollettini. Inoltre queste persone non andrebbero ricoverate nei letti destinati agli infettivi. In questo modo i dati di occupazione dei letti sarebbero più bassi di circa un terzo.

Della stessa linea di pensiero è anche il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa che, in un’intervista rilasciata a La Stampa ha detto che i bollettini quotidiani “stanno alimentando un clima di paura ingiustificato. Dobbiamo sforzarci di lanciare dei messaggi propositivi e positivi, consapevoli che il dato legato a chi si è contagiato è ormai fine a se stesso. Quello che dobbiamo valutare con grande attenzione non sono i nuovi positivi, ma le occupazioni dei posti letto negli ospedali. Se ribaltiamo la comunicazione in questi termini, sensibilizziamo davvero chi ancora non si è voluto immunizzare, altrimenti veicoliamo il messaggio opposto e creiamo, senza ragione, sfiducia nei vaccini“.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

GIanetti carpenedolo

Gianetti Ceriano, licenziamenti confermati anche in appello

Caso Gianetti Ruote, il Tribunale di Monza in appello ha riconosciuto l'attività antisindacale dell'azienda ma non ha revocato la procedura di licenziamento. Sentenza che...

Garbagnate, investita dal Malpensa Express: morta una donna. Treni in ritardo tra Milano e...

Ritardi di un'ora per i treni in partenza da Milano Cadorna a causa dell'investimento di una donna all'altezza di Garbagnate Milanese. Sarebbe una donna...
Fontana Lombardia

Covid, la Lombardia resta zona gialla. Fontana: “Dobbiamo rimettere in moto l’economia e la...

Anche per la prossima settimana la Lombardia resterà in zona gialla. La decisione, presa nel consueto monitoraggio settimanale della cabina di regia di Iss...
sciopero treni

Trenord, sciopero dei treni il 30 gennaio: nessuna fascia di garanzia

Nuovo sciopero del personale di Trenord. Questa volta l'agitazione è in programma per domenica 30 gennaio. In Lombardia i treni regionali, suburbani e il...

Incidente a Cislago: investita sulle strisce, atterra l’elisoccorso

  Non si troverebbe in gravi condizioni la donna che questa mattina, dopo le 9.30, è stata travolta da un’auto sulla Varesina a Cislago....
prima pagina notiziario

Caos tamponi, famiglie disperate; Cusano, scomparso da un mese, indagini per omicidio | ANTEPRIMA

L’apertura del Notiziario del 28 gennaio è dedicata al caos tamponi che sta mettendo in difficoltà moltissime famiglie della nostra zona. Da Bollate a...
auto medica areu

Paullo, incidente sul lavoro, operaio folgorato da alta tensione in cima ad un ponteggio

Un nuovo gravissimo incidente sul lavoro in questo gennaio nero in Lombardia: a Paullo un operaio di 30 anni è rimasto folgorato dopo avere...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !