Home BRIANZA Coronavirus, 3 studenti di Limbiate costretti a rientrare dalla Cina

Coronavirus, 3 studenti di Limbiate costretti a rientrare dalla Cina

Coronavirus studenti Cina Il Coronavirus ha fatto terminare in anticipo l’esperienza di studio a tre giovani studenti universitari limbiatesi. Andrea Caronni, Anna Cirillo e Nicola Amarena, sono rientrati martedì dalla Cina dopo quasi sei mesi trascorsi in un campus universitario di un piccolo paese del nord. Studenti del corso di laurea in Comunicazione interculturale, studiano la lingua cinese ed è per questo che hanno scelto di seguire un progetto Erasmus in Cina. Non si aspettavano una conclusione di questo tipo.

Il virus che dalla Cina minaccia la sanità mondiale, ha iniziato a diffondersi nell’ultimo giorno del 2019, ma loro ne avevano ben poche notizie ufficiali. Le autorità sanitarie cinesi, hanno reso nota la presenza di un focolaio di sindrome febbrile, con polmonite di origine sconosciuta, tra gli abitanti di Wuhan, nella Cina centro-meridionale. Questo li ha costretti a tornare a casa mentre le città chiudevano tutti i punti di interesse turistico.

La diffusione del virus è monitorata in tempo reale su un sito, che indica il numero dei contagiati, quello dei guariti e quello dei morti, Paese per Paese, CLICCA QUI PER APRIRE LA MAPPA IN TEMPO REALE

“Il primo di febbraio saremmo comunque dovuti rientrare- racconta Andrea Caronni- ma abbiamo dovuto anticipare a causa della diffusione del virus. Eravamo in giro per la Cina, c’eravamo presi a partire dal 15 gennaio qualche settimana per visitarla, ma dopo una settimana a Shanghai abbiamo capito che qualcosa non andava quando sulla metropolitana praticamente tutti portavano una mascherina. Noi non leggevamo i giornali e qualche notizia ci arrivava dall’Italia, ma non avevamo certamente capito la gravità della situazione. Abbiamo cercato anche noi delle mascherine, ma erano praticamente esaurite, volevamo proseguire il nostro viaggio che da mesi stavamo organizzando.

A Pechino, il nostro albergo, che avevamo prenotato fino al 28 di gennaio, il 27 con un cartello ha annunciato la sua chiusura, contestualmente tutti i luoghi di interesse turistico sono stati chiusi e non abbiamo potuto far altro che prendere un aereo per tornare nel nostro campus. L’Università però, a quel punto ci ha comunicato che per noi era meglio, per questioni di salute, rientrare direttamente in Italia. Non avevamo però con noi tutti i nostri bagagli, eravamo in giro con lo zaino in spalla e abbiamo pensato di rientrare velocemente per riprendere i nostri bagagli e di contattare il Consolato per chiedere come dovevamo muoverci”. Con i tre limbiatesi c’erano altri 17 ragazzi dell’Università Bicocca di Milano che sono rientrati prima dal loro viaggio.

“Sull’aereo ci hanno misurato la febbre, una nostra compagna a causa della tosse è andata all’ospedale Sacco di Milano ed è stata trattenuta per accertamenti, così come un’altra amica che ha avuto febbre alta, già però dichiarata un’influenza di tipo B non preoccupante. Io sto bene, ho qualche linea di febbre ma il mio medico mi ha visitato e mi ha detto di non preoccuparmi. Mi spiace essere partito prima senza aver potuto salutare nessuno”.

Daniela Salerno 



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Barbara d’Urso e Pomeriggio 5 a Paderno: Rino e i suoi pasti gratis agli...

Collegamento in diretta con Paderno Dugnano per Pomeriggio 5. Barbara d'Urso ha raccontato l'iniziativa di Rino, il ristoratore che cucina gratis pasti per i...

Coronavirus: 15 morti a Senago, 3 decessi a Lazzate

A Senago sono arrivati a 15  i morti  per Covid-19 dichiarati ufficialmente da Ats e comunicati pubblicamente dal sindaco Magda Beretta.  "Il primo pensiero dell’Amministrazione...

Nuovo appello del canile di Uboldo: “Ci serve aiuto per curare i cani”

Nuovo Sos dal canile "Una luce fuori dal lager" di Uboldo, che da quando è scoppiata l'emergenza Coronavirus sta attraversando grosse difficoltà nell'approvvigionamento di...

A Origgio e Uboldo arrivano i droni: li userà la polizia locale

In dotazione della polizia locale consorziata di Uboldo e Origgio stanno per arrivare due droni: serviranno per sorvegliare il territorio dall’alto in particolari circostanze,...

Limbiate, anziana finisce nel canale con il cane: liberata e poi sanzionata

Un’anziana donna di Limbiate ed il suo cane sono stati liberati dall’intervento dei Vigili del fuoco e della Polizia locale, dopo che erano rimasti...
Coda Esselunga

Coronavirus, code all’Esselunga di Garbagnate: “Sindaco, anche noi ingressi per cognome”

Lunghe code anche questa mattina all'ingresso dell'Esselunga di Garbagnate. La situazione è peggiorata anche dal fatto che Esselunga ha istituito ormai da una settimana, di...

Incendio a Novate Milanese nella notte, in fiamme una cantina

Incendio nella notte a Novate Milanese. Attorno alle 3 sono divampate le fiamme in una palazzina di via De Amicis. Ad allertare i Vigili...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !