HomeSERIE TV"Sanpa, luci e tenebre di San Patrignano", recensione - Il fine giustifica...

“Sanpa, luci e tenebre di San Patrignano”, recensione – Il fine giustifica i mezzi?

 

di Stefano Di Maria

Era prevedibile che SANPA, LUCI E TENEBRE DI SAN PATRIGNANO, docuserie Netflix realizzata da Cosima Spender e Carlo Gabardini, avrebbe fatto parlare di sé. Raccontare la storia della comunità di San Patrignano non poteva che far riemergere nella memoria collettiva le ombre che da sempre hanno accompagnato questo centro di recupero per tossicodipendenti e il suo fondatore Vincenzo Muccioli. Una figura controversa, descritta attraverso i ricordi e le testimonianze dei suoi più fedeli collaboratori ma anche di coloro che, da tossicodipendenti, negli anni Ottanta vissero in prima persona la dura esperienza di recupero seguendo il cosiddetto “metodo Muccioli”: le catene per impedire la fuga, gli “scapaccioni” come fanno i padri coi figli, le punizioni, i reparti dove si lavorava più duramente (come il mattatoio) nei quali a dettare legge erano persone che non avevano la preparazione adeguata a trattare con soggetti tanto problematici.

La docuserie di Netflix racconta gli anni della nascita e della crescita di San Patrignano attraverso testimonianze (viene intervistato anche Red Ronnie, grande amico di Muccioli), immagini di repertorio girate nella comunità e filmati di telegiornali e programmi televisivi di allora. Spiccano alcune ricostruzioni che servono a inquadrare meglio eventi e fatti, ma con un respiro cinematografico che mette in ombra la genuinità della narrazione.

Gli episodi centrali trattano dell’omicidio di un ragazzo il cui corpo fu trovato nel Napoletano, coperto dallo stesso Muccioli, e di due suicidi mai chiariti. “C’è stato qualche morto? Che sarà mai se migliaia di giovani si sono salvati?”, diranno in tanti durante i processi nei quali il fondatore di San Patrignano è finito alla sbarra, trasformati in veri e propri eventi mediatici.

L’effetto della docuserie, esattamente come all’epoca, quando gli scandali della comunità di recupero dominavano i telegiornali e le pagine dei quotidiani, divide gli spettatori come all’epoca dei fatti: è giusto usare certi metodi per salvare dei giovani da morte sicura? SANPA non nasconde nulla, mostra il bene ma anche il male di San Patrignano, fa affiorare dubbi e domande. Di Vincenzo Muccioli esce il ritratto di un uomo mosso da un grande istinto paterno (descritto anche dal figlio, che gestì la struttura per 16 anni dopo la sua morte), estremamente protettivo, che volle aiutare giovani dimenticati dallo Stato e rifiutati dagli ospedali (dove contro la tossicodipendenza si usava solo il metadone). Ma emerge anche l’immagine di un uomo che, quando troppi riflettori si accesero su di lui, si sentì forse onnipotente, perse il senso della misura lasciandosi prendere la mano, inconsapevole di commettere sbagli che rischiavano di infangare una comunità che ha fatto tanto bene e che continua a farlo tutt’oggi.

Trovate qui tutte le nostre recensioni

https://www.ilnotiziario.net/wp/serie-tv/

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Vincono le famiglie: nuovi bus dalle scuole di Legnano per Saronno e Uboldo

Ottime notizie per gli utenti della linea Z112 Saronno-Legnano di Air Pullman: sono state attivate nuove corse. Lo ha comunicato l’azienda nei giorni scorsi,...
pompieri anello

Pompieri al Pronto soccorso per rimuovere un anello dal dito

I Vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cittiglio (Va) per affiancare il personale sanitario nella rimozione di un...

Caronno, ecco la nuova squadra del sindaco Marco Giudici

E’ pronta la giunta di Caronno Pertusella: il sindaco Marco Giudici, riconfermato alle ultime elezioni, ha concluso e comunicato la composizione questa mattina. Vice sindaco...

Scomparso da Cesano Maderno: Chi l’ha visto? sulle tracce di Angelo

Anche Chi l’ha visto? si mobilita per trovare Angelo. Un 56enne di Cesano Maderno (Monza e Brianza) scomparso da domenica 17 ottobre. “Dopo il...

A Uboldo uno dei panettoni più buoni al mondo: medaglia di bronzo al pasticciere...

“Bisogna sapere innovarsi, migliorarsi, restare al passo coi tempi, reinventarsi per proporre novità: altrimenti non vai avanti”. E’ lo stile di vita e lavorativo...
marco penza costa rica

Limbiate, trovato in Costa Rica il corpo di Marco Penza

Il mare del Costa Rica ha restituito il corpo di Marco Penza, il giovane di Limbiate disperso da qualche giorno nel Paese del Centramerica....

Limbiate, ritrovato il corpo di Marco Penza, il volontario morto travolto da un’onda in...

Dopo quattro giorni di ricerche, nella serata di ieri, domenica 24 ottobre, la Guardia Costiera del Costarica ha ritrovato il corpo di Marco Penza,...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !