HomeBRIANZANell'ex bosco della droga di Ceriano 25 armi da taglio, pistole, fucile...

Nell’ex bosco della droga di Ceriano 25 armi da taglio, pistole, fucile e proiettili

ceriano metal detectorC’era un vero a proprio arsenale sottoterra in quello che fino a qualche mese fa era noto come il bosco della droga  a Ceriano Laghetto, dentro il Parco delle Groane.

Continua ad allungarsi, giorno dopo giorno, la lista dei ritrovamenti con il metal detector nell’area compresa tra le due stazioni ferroviarie di Ceriano Laghetto.

Qui da più di 100 giorni non si vedono più né tossicodipendenti né spacciatori, grazie all’incessante opera di contrasto messa in campo prima dalle forze dell’ordine, con controlli, sequestri, arresti e denunce, poi con la presenza continuativa di volontari e Polizia Locale a presidiare sentieri del bosco e punti d’accesso.

Da quasi tre mesi, inoltre, insieme ai volontari del Gst e alla Polizia Locale, c’è anche “Serpico”, un volontario di cui si preferisce tutelare l’identità, che si è specializzato nell’utilizzo del metal detector grazie al quale riesce a riportare alla luce oggetti metallici sotterrati. In questo periodo ha trovato veramente di tutto, tra cui anche armi da fuoco, proiettili, armi da taglio e persino un quantitativo importante di cocaina.

Con l’ultimo aggiornamento, si è arrivati a ben 30 telefoni cellulari, quasi tutti con Sim, ben 10 bilance di precisione, 33 proiettili integri per pistola di diversi calibri e un totale di 25 armi da taglio tra macheti con lame da 40 e 50 cm, coltelli fissi e a serramanico, mannaia, falce e persino una spada di oltre un metro.

A questo si aggiunge una pistola scacciacani, un fucile a pompa, oltre a ricevitore gps, un computer portatile e anche alcuni documenti.

Oggetti sotterrati da spacciatori in fuga nel bosco 

“Gli oggetti sono sotterrati a volte di pochi centimetri a volte anche fino a 30 centimetri, dipende dal tempo che hanno avuto gli spacciatori prima di scappare” -racconta Serpico. “Se sono di corsa magari inseguiti dalle forze dell’ordine, allora, fanno solo uno scavo superficiale utilizzando il tallone sul terreno morbido, gettano oggetti molto piccoli e poi coprono con la punta delle scarpe. Altre volte invece si vedono scavi più ampi e profondi, fatti con maggiore calma, per lasciare oggetti da riprendere magari l’indomani. Mi sono messo a fare questo perché vivo da sempre vicino a questi boschi, sono la mia terra, per la quale nutro amore e rispetto e questo è il mio modo di dimostrarlo”.

“Il lavoro svolto in questi 100 giorni dai volontari e dalla nostra Polizia Locale nel bosco è davvero impressionante” -aggiunge l’Assessore alla Sicurezza, Dante Cattaneo, spesso impegnato di persona in questa attività di “setaccio” del bosco. “La lista del materiale recuperato aiuta a capire cosa era diventato questo posto, quanto era pericoloso frequentarlo e quanto i delinquenti lo sentissero come il loro fortino. Ora tutto questo è finito, abbiamo cacciato gli spacciatori ma non possiamo ancora cantare vittoria, perché è importante continuare a far sentire la nostra presenza nel bosco, insieme a quella di tante persone, per riprenderci quello che è nostro, riscoprire e valorizzare quest’area meravigliosa e impedire ai delinquenti di tornare”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Bollate, in servizio i 5 nuovi agenti della Polizia Locale

Il Corpo di Polizia Locale di Bollate ha ampliato il proprio organico. Sono stati infatti assunti, attingendo dalla graduatoria del recente concorso, cinque nuovi...
quarto oggiaro droga

Quarto Oggiaro, madre e figlio spacciatori di droga, arrestati

La Polizia di Stato ha arrestato a Milano, nel quartiere Quarto Oggiaro, una donna 43enne e il figlio 20enne per detenzione ai fini di...

Striscioni animalisti sulla Novartis di Origgio: “Liberate i Beagle”

Striscioni di “Centopercento animalisti” sulla cancellata della Novartis di Origgio per la liberazione dei Beagle con cui fa sperimentazione la Aptuit di Verona, società...

Caronno in lutto: muore a 58 anni Stefano Cova, politico e colonna del volontariato

In piena campagna elettorale, se ne va un pezzo di storia politica di Caronno Pertusella: è morto Stefano Cova, ex consigliere comunale e caronnese...

Cultura, il saronnese Giorgio Fontana conquista il Premio Bagutta 2021: intervista

Una saga familiare d'altri tempi lunga tutto il Novecento. Lo scrittore Giorgio Fontana col romanzo 'Prima di noi', edito da Sellerio, è il vincitore...
leonardo Da Vinci token

Proponevano token coi micro-quadri di Leonardo Da Vinci: arrestati

I finanzieri del Comando Provinciale di Milano, hanno eseguito nel capoluogo lombardo e in Desenzano del Garda (BS) un’ordinanza di custodia cautelare, agli arresti...
saronno rapina gioielleria

Saronno, rapina in gioielleria bloccando clienti e dipendenti: arrestati i due responsabili | VIDEO

I carabinieri della compagnia di Saronno hanno arrestato due giovani ritenuti responsabili della rapina in una gioelleria del centro di Saronno. I carabineri hanno...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !